Palpare il mondo come attività religiosa umana

Palpare il mondo - Prima parte

La filosofia del divenire della Religione Pagana

di Claudio Simeoni

Filosofia Pagana

 

L'individuo agisce nel mondo seguendo le tensioni che da dentro di sé tendono ad emergere creando la necessità d'azione e fonde la propria energia col mondo: soggettivare l'oggettività.

Questo dibattito diventa comprensibile solo alle persone che vivono palpando il mondo. La comprensione del palpare il mondo è immediata soltanto nell'attività di palpare il mondo. Io posso solo esporre una serie di considerazioni sul come perché e su dove conduce, ma solo chi palpa il mondo può sviluppare l'esperienza sul palpare il mondo.

Palpare il mondo è un'attività prettamente umana!

O meglio, fra gli Esseri Umani assume il rango della rappresentazione del DIO quale manifestazione del divenire degli Esseri Umani.

Palpare il Mondo è un'attività che si esplicita con le mani come rappresentazione della percezione corporea "pelle" del corpo fisico.

Dalle mani e dai piedi escono delle linee di energetiche ci collegano col mondo.

Si fondono con l'energia degli oggetti e ci riportano una qualità di energia modificata.

Noi modifichiamo la nostra energia fondendola con l'energia degli oggetti con cui entriamo in contatto.

Veramente, tutto l'individuo si modifica ogni volta che entra in contatto con un oggetto.

MODIFICA:

1) la sua fisicità!

2) la sua consapevolezza;

3) la sua coscienza;

4) il suo sapere;

5) a sua esperienza;

Solo che oggi parliamo del significato del PALPARE IL MONDO e della modificazione dell'individuo nello svolgimento di quest'attività.

Le modificazioni dell'individuo hanno attraversato l'evoluzione della nostra specie negli ultimi milioni di anni.

E' plausibile la teoria secondo cui negli ultimi milioni di anni noi siamo divenuti quello che siamo anche perché abbiamo sviluppato il POLLICE OPPONIBILE.

Questa variazione ha finito per condizionare l'intera nostra attività che nel corso di milioni di anni ci ha portato a condizionare lo sviluppo delle relazioni fra noi e il mondo.

Si PALPA IL MONDO spulciando l'amico o l'amica: si sviluppa la sensualità come relazione col mondo.

Sensualità che come sessualità assume un ruolo fondamentale nella Specie Umana come metodo di relazione emozionale fra gli individui.

Questa tensione emotiva porta gli individui a modificare il mondo per rispondere meglio al principio del piacere. Dopo di che, qualcuno scopre come bloccare nell'individuo il principio del piacere sostituendolo col PIACERE DEL POSSESSO.

La modificazione introdotta nella specie porta alla modificazione delle relazioni col mondo e del mondo per soddisfare alla nuova direzione cui è stato costretto il principio del piacere nella specie.

Per l'Essere Umano, Palpare il Mondo è palpare la vita: costruendola.

Cessare di Palpare il mondo si trasforma il principio del piacere in piacere del possesso, che poi si traduce in piacere d'impedire ad altri Esseri della propria specie di Palpare il mondo.

La manipolazione di oggetti è attività umana.

D'altra parte, gli oggetti hanno costruito l'Essere Umano proprio per favorire la sua manipolazione.

Le strategie dell'Essere Natura erano direte a costruire dei manipolatori e vi è riuscita favorendo lo sviluppo degli Esseri Umani. Oggi come oggi, sappiamo che tutti gli Esseri della Natura sono dei manipolatori, ma noi come specie abbiamo le nostre caratteristiche e ci piace pensare che le nostre caratteristiche siano quelle di un'esclusività nell'attività di manipolazione del mondo. In ogni caso il nostro modo di manipolare il mondo è una nostra caratteristica che si è specializzata nel corso dei millenni.

I manipolatori hanno un ruolo di espressione divina nel divino dell'Essere Natura:

---Se i manipolatori sono pervasi dal principio del piacere; le loro manipolazioni sono attente, rispettose e funzionali allo sviluppo della soddisfazione del loro piacere in relazione allo sviluppo del piacere del mondo in cui vivono. Per esteso, sono attenti al piacere d'esistenza del Sistema Sociale e dell'Essere Natura.

--- Se i manipolatori sono pervasi dal piacere del possesso; le loro manipolazioni sono distruttive. Sia per il Sistema Sociale in cui vivono che per l'Essere Natura. I manipolatori pervasi dal piacere del possesso distruggono il mondo in cui vivono dopo aver distrutto il principio del piacere dentro sé stessi.

L'attività quotidiana di manipolazione dell'individuo consente alla materia manipolata di trasformare l'individuo che la manipola.

Il principio del possesso, per imporsi sull'individuo, deve allontanare l'individuo dall'attività di Palpare il Mondo. Oggi come oggi l'attività "lavorativa" che prevede atti di Palpare il Mondo (modificazione fisica della materia o dell'ambiente) appartiene ai gradini più bassi della scala sociale. Fin a non molto tempo fa', chi svolge mansioni di Palpare il Mondo doveva essere danneggiato sia nella vita quotidiana (bassi redditi rispetto alle esigenze espresse dal singolo Sistema Sociale), sia attraverso la fatica del lavoro e le malattie "professionali".

Chi manipola la materia acquisisce l'abilità di manipolare la materia in funzione dei propri bisogni soggettivi. Dal momento che l'intero Sistema Sociale umano fonda sé stesso sulla capacità di modificare la materia per soddisfare i propri bisogni, ne consegue che chi pratica il principio del possesso deve imporre il proprio controllo e il proprio dominio su chi è in grado di manipolare la materia. Arriviamo a degli assurdi estremi nell'organizzazione del nostro attuale Sistema Sociale dove è l'apparato industriale a produrre la ricchezza, ma è la struttura finanziaria che concentra quella ricchezza e attraverso quella ricchezza controlla e gestisce l'apparato industriale in funzione del proprio accumulo di ricchezza.

 

trascritto 20 febbraio 2004 a Marghera come data file di ultima modifica
testo base del ciclo del 2001/2002

 

Il libro si può ordinare all'editore Youcanprint

Oppure, fra gli altri anche su:

Feltrinelli

Ibs

Cod. ISBN 9788891170897

Vai all'indice degli argomenti trattati nel libro: La Stregoneria raccontata dagli Stregoni

 

Per approfondimenti vedi Il Crogiolo dello Stregone

 

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

Membro fondatore
della Federazione Pagana

Piaz.le Parmesan, 8

30175 Marghera - Venezia

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

 

Filosofia pagana

 

La Religione Pagana

 

 

Home Page