La società in cui viviamo e la necessità
di toglierci dal centro del mondo

Toglierci dal centro del mondo - Prima parte

La filosofia del divenire della Religione Pagana

di Claudio Simeoni

Filosofia Pagana

 

L'individuo sociale diventa consapevole dell'inganno che gli è stato imposto e si sottrae.

Mentre l'imputato è costretto in manette davanti al poliziotto, il poliziotto che lo interroga, magari torturandolo, gli racconta quanto l'imputato sia stato furbo e abile nel commettere quanto il poliziotto ritiene di imputargli.

Che bravo che è stato quell'imputato, ma ora... e poi segue il resto.

Il poliziotto per "fregare" l'imputato deve indurlo, magari a pugni e a calci, a pensarsi al centro del mondo.

Lui è "figo", lui è "abile".

L'imputato non deve accorgersi di avere le manette ai polsi e non deve rendersi conto di vivere un fallimento esistenziale. Deve continuare a considerarsi "furbo", "abile". Non deve rendersi conto che un suo ciclo esistenziale è finito e, pertanto, non deve rendersi conto che servono nuovi progetti.

E' il poliziotto che, mentre lo prende a pugni e a calci, gli spaccia delle nuove prospettive esistenziali in cambio della sua collaborazione. E se il poliziotto si sbaglia? Continuano i pugni e i calci e si alimenta la distruzione della prospettiva esistenziale. L'imputato è vittima quattro volte compreso quella di essere vittima dei magistrati che devono salvaguardare il poliziotto che lo ha preso a pugni e a calci. In fondo, non lo ha fatto per il bene comune?

E' importante, per quei poliziotti, che l'imputato non si tolga dal centro del mondo. E' importante che non riconosca il fallimento esistenziale o, peggio, non si senta vittima della situazione. Al massimo, l'imputato deve credere di "meritare" i pugni e i calci.

La violenza sull'infanzia costringe i bambini ad essere al centro del mondo e come tali sono prede e devono essere convinti che sia nei diritti dei predatori predarli.

Nello stesso tempo siamo indotti, dalla violenza dell'educazione cristiana, a credere. Chi dubita è sospettato.

Siamo costretti ad emettere giudizi come se fossero delle verità e veniamo educati, con la violenza, a credere per fede anziché ad indagare sulla natura delle cose.

Siamo educazionalmente costretti ad essere razionali e si pretende che la nostra razionalità sia logica anche davanti a chi proclama, con assoluta follia, in uno stato di demenza degenerante, che esiste un dio creatore sul quale farnetica pie illusioni di desideri repressi.

Noi siamo Esseri della Natura, siamo figli di Hera, come gli Esseri Animali e gli Esseri Vegetali.

Questo lo abbiamo stabilito nel precedente ciclo di dibattiti. Ora dobbiamo prendere atto che noi siamo anche Esseri Sociali. Noi siamo Quiriti.

Siamo figli di Quirino. Il che significa che noi per costruire la nostra esistenza affrontiamo le contraddizioni all'interno del nostro Sistema Sociale.

Ma c'è una cosa che deve essere detta: l'Essere umano quando nasce non adatta sé stesso ai fenomeni che dall'Essere Natura giungono a lui, ma si adatta a fenomeni generati da una mediazione, un adattamento, che il Sistema Sociale ha fatto nel corso dei millenni ritagliandosi uno spazio nell'Essere Natura. Il Sistema Sociale invia fenomeni al nuovo nato affinché il nuovo nato si adatti al Sistema Sociale stesso.

Il nuovo nato si adatta ai fenomeni che dal Sistema Sociale giungono a lui.

Vedi funzione dei neuroni mirror "specchio".

Il nuovo nato per giungere nelle braccia di Hera e adattarsi ai suoi fenomeni deve prima adattarsi, affrontare e superare, i fenomeni propri del Sistema Sociale in cui nasce: il suo Quirino!

Il Quirino che gli si presenta, attraverso il Sistema Sociale in cui nasce, per generare il Quirino che egli diventa, attraverso il suo essere individuo sociale, e il Quirino che trasforma il Quirino in cui è nato attraverso la sua attività!

In questo Sistema Sociale la Stregoneria individua N. 5 elementi attraverso i quali l'individuo può costruire il proprio divenire magico ritornando fra le braccia di Giunone o Hera o, se preferite, l'Essere Natura costruendo una grande società Quirita da lasciare in eredità ai propri figli in cui possano costruire il loro Quirino:

1) Toglierci dal centro del mondo!

2) Scetticismo!

3) Giudizio di necessità!

4) Chiedersi il perché delle cose!

5) Follia controllata!

Oggi parliamo di TOGLIERCI DAL CENTRO DEL MONDO!

Quando iniziai il mio cammino di Stregoneria, dovetti prendere atto che io iniziai tredici anni prima da dove Castaneda avrebbe terminato tredici anni dopo.

Nel libro "Il lato attivo dell'infinito" scritto nel 1998 Carlos Castaneda scrive a proposito dell'Essere Umano e delle sue gabbie sociali:

"Una spiegazione c'è ed è la più semplice che si possa immaginare. I predatori hanno preso il sopravvento perché siamo il loro cibo, la loro fonte di sostentamento. Ecco perché ci spremono senza pietà. Proprio come noi alleviamo i polli nelle stie, i "gallineros", i predatori ci allevano in stie umane, gli "humaneros", garantendosi così un'infinita riserva di nutrimento."

Ancora scrive CARLOS CASTANEDA:

"L'unica alternativa per l'umanità è la disciplina! Ma parlando di disciplina non mi riferisco ad uno stile di vita spartano: alzarsi alla mattina alle cinque e mezzo e bagnarsi nell'acqua fredda fino a diventare blu. Gli sciamani interpretano la disciplina come la capacità di affrontare in modo sereno eventualità che esulano dalle nostre aspettative. Per loro, la disciplina è un'arte: l'arte di affrontare l'infinito senza vacillare, e non perché siano forti e duri ma perché sono animati da timore reverenziale."

Io avevo scritto nel 1985 ne "Libro dell'Anticristo":

"Il guasto (nel processo evolutivo della Specie Umana) fu prodotto col contributo determinante di alcuni Esseri ad un livello ben oltre a quello che è il Quarto Livello di sviluppo della Specie Umana. Questi Esseri, giunti ad un determinato stadio di sviluppo, hanno abbandonato il sentiero verso la Coscienza del Se per arroccarsi nella Coscienza di Sé. L'Energia Vitale rallentava il flusso mentre in loro aumentava il piacere per il sapore dell'Energia Vitale Stagnata. Se la nostra specie vuole mangiare carne alleva pecore, mucche e altri animali; essi intervennero sui processi evolutivi della nostra specie al fine di assicurarsi Energia Vitale Stagnata."

Ancora scrive CLAUDIO SIMEONI:

"Due sono i mezzi, tecniche o strumenti, che, partendo dal quotidiano della ragione, conducono l'Essere Umano allo sviluppo della Coscienza di Sé: vivere nel quotidiano per sfida, o, se si preferisce, con volontà e determinazione, dando l'assalto al cielo della Conoscenza e della Consapevolezza per sviluppare la libertà del fare accumulando Potere di Essere all'interno del Sistema Sociale o sviluppare il Sognare. Entrambi i mezzi possono essere usati dall'Essere Umano, sia come unico mezzo per raggiungere la Coscienza di Sé sia amalgamati e dialettizzati, fusi a formare un unico percorso soggettivo."

Noi pensiamo di essere al centro del mondo e mentre ragioniamo come Esseri al centro del mondo veniamo allevati come bestiame per nutrire di lavoro ogni gerarchia sociale e per nutrire di energia della sottomissione gli spiriti neri.

Gli Esseri Umani non sono padroni della vita, altri li usano come bestiame da allevamento!

Vedere gli Esseri Di Sola Energia Vitale che si cibano della tua Energia Vitale che hai stagnato attraverso la TUA sottomissione e che ti usano come bestiame da allevamento, permetterebbe all'Essere Umano di individuare chi lo sta utilizzando. Però, comprendere che qualcuno ti sta utilizzando in quanto TU accetti di considerarti pecora del gregge che il buon pastore ti porta al macello, ti permette di non essere utilizzato.

Questo, nemmeno Castaneda riuscì mai a comprenderlo. Le culture da cui nasciamo sono differenti e differente è l'attuazione pratica dell'INTENTO che, attraversandoci, va a manifestarsi nella vita degli Esseri Umani.

Quella LIBERTA' che Castaneda ha sempre cercato, non trovò mai. Ed era evidente, la LIBERTA' è manifestazione del suo VIVERE PER SFIDA e lo comprese solo alla morte del corpo fisico, quando il suo VIVERE PER SFIDA trasformò la morte del corpo fisico in nascita del corpo luminoso.

Ci sono forze esoteriche, formate da legioni di spiriti neri, che si cibano dell'Energia Vitale di Esseri Umani tenuti in ginocchio. Ma ci sono eserciti di uomini che li servono mettendo in ginocchio milioni di uomini per i loro interessi.

 

trascritto dibattito del febbraio 2005 scritto a Marghera come data generica
Ampiamente modificato in data 30 dicembre 2016

 

Il libro si può ordinare all'editore Youcanprint

Oppure, fra gli altri anche su:

Feltrinelli

Ibs

Cod. ISBN 9788891170897

Vai all'indice degli argomenti trattati nel libro: La Stregoneria raccontata dagli Stregoni

 

Per approfondimenti vedi Il Crogiolo dello Stregone

 

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

Membro fondatore
della Federazione Pagana

Piaz.le Parmesan, 8

30175 Marghera - Venezia

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

 

Filosofia pagana

 

La Religione Pagana

 

 

Home Page