Filone d'Alessandria,
Lucio Anneo Seneca, Paolo di Tarso

Giocatori fondamentalisti
Terzo gruppo di cinque

Capitolo 9

La partita di calcio mondiale fra i filosofi

Claudio Simeoni

 

Sei capace di giocare a calcio?

 

Nel campo dei Fondamentalisti incontriamo altri giocatori. La partita di calcio non è una semplice partita, è LA PARTITA.

Riuscire a presentare tutti i giocatori con le loro caratteristiche fisiche è abbastanza difficile, ma ogni volta che mostro il loro modo di giocare permetto ai telespettatori di intravvedere le caratteristiche di questa partita.

Questi giocatori sono facili da osservare. Molto conosciuti, sono stati i preferiti di milioni di studenti di ogni ordine e grado.

La caratteristica del pensiero dei fondamentalisti è l'affermazione che non ammette replica. Ogni filosofo fondamentalista porta la grande libertà agli uomini. La libertà di obbedire al dio affermato con tutto il proprio cuore e con tutta la su anima. A nessuno deve essere impedita la libertà di servire il proprio padrone. Tutti gli uomini devono essere liberi di violentare gli uomini affinché possano accedere alla libertà di essere schiavi.

E così osserviamo i palleggi di:

Filone d'Alessandria

Gli ignoranti, dunque, è meglio che facciano silenzio: ma per gli uomini che aspirano alla scienza e sono amanti del loro Yahweh la libertà di parola è un possesso prezioso e necessario. Così si legge nell'Esodo "Yahweh combatterà al nostro fianco, e voi starete in silenzio"; e subito dopo si trova questo responso: "E disse Yahweh rivolto a Mosè; Perché gridi verso di me?".

Filone d'Alessandria, L'Erede delle cose Divine, Rusconi, 1984, p. 73

Lucio Anneo Seneca

So che cosa mi si potrebbe ribattere a questo punto: "E' così: "il Dio padrone" non concede benefici, ma tranquillo e indifferente a noi; volta le spalle al mondo e si occupa di altro, oppure non fa nulla (il che a Epicuro sembra la massima felicità) e i benefici non lo toccano più delle offese.

Lucio Anneo Seneca, Tutti gli scritti, a cura di Giovanni Reale, Bompiani, p. 536

Paolo di Tarso

"Ecco, io vi svelo un mistero: noi non morremo tutti, ma tutti saremo trasformati, in un attimo, in un batter d'occhio, al suono dell'ultima tromba. Squillerà, infatti la tromba e i morti risorgeranno incorruttibili e noi saremo trasformati.

I Corinti 15, 53

 

Marghera, 13 marzo 2018

 

Hai imparato a chiedere l'elemosina?

 

Davvero vuoi continuare a navigare in questo sito?

Clicca qui e impara come si chiede l'elemosina

 

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

Membro fondatore
della Federazione Pagana

Piaz.le Parmesan, 8

30175 Marghera - Venezia

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

 

2017

Indice Generale degli argomenti