Quando le Istituzioni o Dio non rispettano le leggi imposte ai cittadini, all'infanzia in particolare, i processi adattativi dei cittadini, dell'infanzia in particolare, tendono ad identificarsi con Dio o con le Istituzioni che pensano sé stesse al di fuori della legge e privi di doveri nei rispetto a quella legge che, al contrario, a loro è imposta con la violenza.
Settembre 2022: la Religione Pagana fra filosofia metafisica, psicologia, problemi sociali nelle riflessioni proposte su Facebook.

Settembre 2022
la religione pagana su Facebook

Claudio Simeoni

Argomenti del sito Religione Pagana

Continua la pandemia fra arroganza ed indifferenza

 

01 settembre 2022

Religiosità infantile

Stavo rivedendo le ricerche di Vianello dell'università degli studi di Padova. E' buffo che l'uomo che 50 anni fa dimostrò l'inconsistenza ideologica dell'innatismo religioso nei bambini, ben prima che venissero scoperti i "neuroni specchio", è stato, a quanto mi risulta, dimenticato e ignorato.

Quando ci sono studi di questo tipo, di solito suscitano stupore e interesse. Poi, succede, che se ne comprendono le implicazioni e le implicazioni al mondo culturale mettono paura. Così non se ne parla più, si relegano nel dimenticatoio. Un po' come "Il fungo e la croce" di Allegro.

Li riprenderò questi studi di Vianello. In fondo, 40 anni fa mi consentirono di documentare le tesi e le ipotesi della stregoneria sui processi di "adattamento soggettivo alle variabili oggettive" dei nuovi nati all'oggettività in cui nascono fin da quando sono ancora nella pancia della madre.

Togliere il creazionismo dal modo con cui si pensa l'uomo è un elemento essenziale per garantire all'uomo il futuro prendendosi la responsabilità delle variabili che la società presenta al nuovo nato e che costringono il nuovo nato ad adattare, ad esse, la sua struttura psico-emotiva.

 

01 settembre 2022

La Religione Pagana

Come Pagani noi celebriamo i ritmi e le tappe della vita umana perché quei ritmi e quelle tappe sono sacri nella cultura religiosa pagana.

Apparentemente, come Religione Pagana, non obbligando le persone a dogmi di verità a cui sottomettersi e coltivando la liberazione delle tensioni emotive dell'uomo nel mondo in cui vive, sembriamo deboli. Non formiamo eserciti di fedeli da schierare contro altri fedeli. Eppure noi siamo ciò di cui la società non può fare a meno anche se eserciti di fedeli di altre religioni vengono schierati contro di noi. La società ha bisogno di una prospettiva di futuro anche se i problemi di oggi tendono ad assorbire tutta l'attenzione immediata dell'uomo.

 

01 settembre 2022

Risorse sociali e contributi governativi

Ricordatevi che se un governo mette un tetto al costo del gas, il gas delle aziende lo paghiamo noi! Il fornitore non fornisce gas a meno soldi, semplicemente gli imprenditori se lo fanno pagare dal governo che lo paga con le nostre tasse.

Rifletteteci quando si invoca un tetto al prezzo del gas.

La situazione è grave, ma è l'Europa che ha voluto fare guerra alla Russia facendo sanzioni economiche senza soppesare le conseguenze. Io non sono contro le sanzioni alla Russia, ma dico che se le aziende non pagano il prezzo del gas o, in alternativa non chiudono, sarà un guaio per tutta la nazione. Già col covid-19 gli imprenditori hanno avuto miliardi in ristori. Miliardi sottratti alla comunità.

 

01 settembre 2022

Evoluzionismo e fraintendimenti

(confusa riflessione notturna)

Spesso io parlo di evoluzionismo. Quando parlo di evoluzionismo mi riferisco alle teorie biologiche di interrelazione fra le specie dei viventi che nella storia provocarono la diversificazioni delle specie della natura.

Questo modo di pensare l'evoluzionismo è un modo molto recente, appartiene agli ultimi 30/40 anni (anche se ci sono degli accenni precedenti) e spesso va sotto il nome di neodarwinismo.

Prima di Darwin, con Darwin stesso, Malthus, Spencer e altri aderirono a quella forma di evoluzionismo cristiano, ideata da un vescovo cristiano, secondo cui, dopo il diluvio universale, gli uomini, primitivi ed ignoranti, vagavano, impauriti e senza meta, nel mondo braccati da bestie feroci. Da questo primitivismo, che i colonialisti pensano di trovarlo in Africa e nelle Americhe dove, secondo loro, i popoli sono dei selvaggi che vivono ancora allo stato primitivo, si sviluppa una sorta di evoluzionismo sociale che porta, secondo loro, alle civiltà superiori. Guarda caso, quella bianca occidentale con diritto di dominio su tutte le altre "razze umane".

Il positivismo di Durkheim fa proprio questo meccanismo ed elabora una sorta di evoluzionismo religioso in cui le società passerebbero da una religione animistica ad una religione totemica per approdare al politeismo che sfocia nel monoteismo cristiano che si pone in vetta a questo processo "evolutivo". Un'evoluzione verso la perfezione rappresentata dal monoteismo e dal cristianesimo in primis.

Tutto l'evoluzionismo, sia sociale che religioso, formulato in questi termini, appartiene al delirio del suprematismo bianco che la storia non solo ha smentito, ma lo ha relegato nella discarica dell'immondezzaio del pensiero umano.

Questo meccanismo viene usato anche per legittimare il cristianesimo, nella figura del superuomo Gesù, all'interno di un'ideologia che sfocerà nell'ideologia nazista

Il problema di questi ideologi è che al vertice della scala sociale evolutiva deve esserci Gesù. Solo in questo modo non solo si legittima la superiorità della razza bianca, ma anche il dominio occidentale su tutti i "popoli primitivi" che devono essere sottomessi a Gesù e a chi lo rappresenta.

Il quest'ottica, Gesù diventa "il super-uomo" al di sopra di una scala evolutiva di "super-uomini" che lo avrebbero preceduto. Si tratta di mettere a punto uno schema degli "iniziati di Dio" dove, al vertice della scala c'è il super-uomo Gesù che domina tutti.

Questo modo di pensare l'universalismo spirituale nasce all'interno della Teosofia nel 1800 che nel tentativo di appropriarsi della figura del super-uomo Gesù elabora l'idea generale di super-uomini inviati da Dio per istruire l'umanità.

Nel corso della storia vengono costruiti alcuni modelli di profeti che avrebbero preceduto Gesù predicando a vari popoli la parola di Dio. Una storia di profeti, ad imitazione dei profeti biblici, ma "profeti" che hanno costruito religioni precedendo Gesù che, per gli estensori di questi modelli, è l'insuperabile super-uomo della razza ariana. Infatti, fra loro non c'è Maometto che, stando agli estensori dei modelli occidentali, non compare. Solo nella religione Bahá'í che si considera la vita di Bahá'u'lláh, pari a quelle delle altre Manifestazioni di Dio, come per esempio Abramo, Krishna, Mosè, Zoroastro, Buddha, Cristo e Maometto, Maometto è inserito, ma solo perché Bahá'u'lláh (1817-1892) viene dopo Maometto ed è considerato a sua volta una "manifestazione di Dio". Ma io non prendo in considerazione la Bahá'í perché il mio discorso è legato alla formazione dell'ideologia in Europa e la Bahá'í fu uno strumento del colonialismo inglese per aggredire la Persia. Questo non significa che l'elaborazione Bahá'í non sia in relazione con l'evoluzionismo spirituale Teosofico. L'uno e l'altro nascono nel medesimo periodo.

Il primo schema che prendo in considerazione è quello di Schuré. Schuré scrive "I grandi iniziati" nel 1887.

Il suo schema comprende, come iniziati: Rama, Krishna, Ermete, Mosè, Orfeo, Pitagora, Platone e Gesù.

Questi personaggi sono personaggi letterari. Eroi di storie inventate e, se analizzate attentamente, spesso storie scritte da uomini deliranti che anziché assumersi la responsabilità di quanto loro affermavano, inventarono un personaggio fantasy a cui attribuire una serie di principi. Se noi ci riferissimo a persone fisiche, di tutte queste solo Pitagora e Platone sono personaggi storici. Gli altri sono personaggi letterari e parlare di costoro come a degli "individui iniziati ai misteri dello spirito", a "manifestazioni di Dio", non è solo ridicolo, ma semplicemente demenziale.

Vuoi discutere di quei personaggi? Discuti dei principi religiosi e sociali manifestati dalla rappresentazione letteraria che pretende di descriverne l'esistenza. I personaggi non sono mai esistiti, esistono scritti che definiscono il pensiero di quel personaggio. Non si inventano storie enfatiche su quei personaggi, si discute sull'ideologia rappresentata attraverso quel peronaggio.

Dal momento che si stanno elaborando gli schemi ideologici di quella struttura di pensiero che sarà il cristianesimo nazista che avrà nel super-uomo Gesù il suo modello ideale, a mano a mano che si scopre che dei personaggi di Schurè sono più letterali che non storici, ecco allora Rudolf Steiner elaborare un'altra serie di iniziati che, secondo lui, era più funzionale ai suoi progetti.

I grandi iniziati di Rudolf Steiner sono: Zarathustra, Ermete, Budda, Mosè, Elia e Gesù.

Da dove prende il suo schema Steiner?

Innanzi tutto da Schuré, ma ai "profeti" dell'India, Rama e Krishna, sostituisce Zarathustra. Perché? Perché Steiner fu chiamato nel 1896 da Elisabeth Förster-Nietzsche, sorella di Friedrich Nietzsch, ormai paralizzato, chiedendo a Steiner di riordinare l'archivio. Fu in quell'occasione che, nella testa di Steiner prese forma la centralità della figura persiana di Zarathustra da sostituire alle figure indiane di Rama e Krishna usata da Schuré.

Poi, Steiner elimina le figure di Orfeo, Pitagora e Platone legate ad una visione "greca" che, come cristiano fondamentalista non legge le continuità ideologiche fra pensiero platonico e pensiero cristiano, ma solo le continuità di sangue (di razza) appariva anomale da inserire fra i suoi "Grandi Iniziati" e li sostituisce con Budda che in quel momento sta diventando il super-uomo di riferimento degli ambienti esoterici. Tutto questo perché Steiner vuole concludere con la superiorità del messaggio biblico. La triade che conclude i "grandi iniziati" di Steiner sono i tre personaggi che appaiono nell'episodio dei vangeli relativo alla trasfigurazione: Mosè ed Elia che fanno da testimoni alla divinità di Gesù.

Questo tipo di "evoluzione" della rappresentazione degli iniziati di Dio, serve soltanto a legittimare un vuoto ideologico nel quale le persone sono indotte, e costrette, a credere senza avere il diritto di chiedere spiegazioni: perché questa è la volontà di Dio.

E poco importa se messaggeri divini come Zarathustra, Ermete, Budda, Mosè, Elia e Cristo non sono mai esistiti. L'importante è che le persone credano che siano esistiti e non chiedano dei contenuti dell'ideologia e della filosofia che descrive questi personaggi. L'importante è che le persona mettano enfasi sulle persone immaginate e non analizzino i contenuti ideologici che forma, di fatto, la realtà letteraria di quel personaggio.

E' l'inganno, la truffa religiosa che ha lo scopo di catturare le emozioni delle persone per renderle schiave e sottomesse a verità che nascondo falsi e inganni per rubare la vita degli uomini.

L'evoluzione non è un processo di trasformazione che porta ad un'immaginaria perfezione, ma è un processo di adattamento soggettivo che porta alla trasformazione dell'uomo che abita il mondo. Per contro, anche il dominio dell'uomo si adatta per assorbire e annullare ogni spinta di libertà che, nascendo dal singolo o da gruppi di uomini, deve essere riassorbita e annullata mediante una continua trasformazione del modo di dominare e controllare l'uomo.

 

 

02 settembre 2022

Il pescatore è quell'uomo che approfitta della fame del pesce per mettergli un amo in bocca e mangiarselo.

Il politico senza ideologia è colui che approfitta dei bisogni delle persone per assicurarsi un voto e ridurle ulteriormente in miseria rubando loro la vita.

"Io vi farò pescatori di uomini". E noi chi siamo? Coloro che infilano ami in bocca agli uomini per mangiarseli o coloro che aprono la bocca per farsi infilare un amo in bocca ed essere mangiati? Per costruire un futuro sociale è necessario uscire da questa logica.

 

02 settembre 2022

Contro il covid e contro la crisi economica dovremmo girare così.

 

02 settembre 2022

Riflessione sull'economia internazionale

Io mi chiedo: se l'Europa vuole mettere un tetto all'acquisto del gas, lo fa per tutto il gas o solo per il gas acquistato dalla Russia?

Se si vuole acquistare dalla Russia il gas a prezzo di due e dagli altri fornitori si accetta di pagarlo 8 o 10, può non convenire alla Russia non dare il gas all'Europa e venderlo a 4 all'India.

D'altro canto, gli USA sono pronti a fornire gas all'Europa a 30.

Non so dove stia la logica in tutto questo. Appare evidente che non si tratta di una logica economica, ma di una logica di guerra dove si pensa di costringere la Russia a vendere il gas sottocosto per minarne le finanze anche a costo di privare la popolazione occidentale di gas che viene costretta a ridurre il riscaldamento.

Dopo di che, i prodotti costruiti in Europa vanno venduti e, per il momento, con l'Euro in parità col dollaro, i prodotti europei vengono venduti sottocosto.

Sono molto, ma molto, perplesso!

 

02 settembre 2022

Romanità e fascismo

Una delle polemiche più forti che c'è stata nel mondo "pagano" è stata la contrapposizione fra chi interpretava il mondo Romano in chiave fascista e chi lo interpretava in chiave democratica.

Roma fu caratterizzata da tre forme politiche: la monarchia, la repubblica e l'impero che diventando assolutismo sfociò nell'assolutismo cristiano.

Io, come persona religiosa, se guardo Roma leggo le relazioni fra gli Dèi e le persone romane. Questo perché io sono un cittadino che abita il mondo, ma il fascista che coglie l'assolutismo nel suo presente, che cosa vede dell'antica Roma?

E' interessante riflettere su alcuni passi del libro "Spirito della civiltà romana" di Pietro de Francisci. Chi è Pietro di Francisci? Pietro De Francisci (1883 – 1971) è stato un giurista, accademico e politico italiano. Fu Ministro di Grazia e Giustizia del governo Mussolini.

Scrive De Francisci:

Chi consideri il complesso di queste virtù, che la tradizione romana pone a fondamento della vita e dell'azione, e vi aggiunga i tratti tipici coi quali la leggenda dipinge l'incorruttibilità di un Fabrizio o di un P. Scipione, la povertà e la semplicità di vita di un Menenio Agrippa, di un Curio Dentato, di un Cincinnato, e accompagni questi rilievi con gli elogi della primitiva vita rustica e operosa la cui purezza e nobiltà rimpiangono gli scrittori dell' età augustea, si renderà facilmente conto di quello che è l'orientamento religioso ed eroico di quest'etica romana primitiva. Orientamento, che trova la sua base e la sua ispirazione nel senso del dovere verso gli dei e verso la patria, e che diviene coscienza severa e rigorosa dell' onore del cittadino. Chi manchi ai propri obblighi, chi non tenda tutte le forze nel servizio della cioitas, chi si sottragga ai propri compiti, chi venga cioè meno alla pietas, alla fides, alla iustitia, alla gravitas non è un vir bonus, non è uomo che riveli quella pienezza di doti sociali che è indispensabile al Romano per esser degno del suo posto, non è cittadino cui sia dovuto l'honos, l'omaggio e l'apprezzamento pubblico che spetta solo all'innocentia, alla dignitas, alla virtus. E, se l'inettitudine o la macchia sono gravi, l'incolpato viene a perdere anche il rango che gli spetterebbe per le sue origini o per la sua posizione familiare. L'istituzione della censura e le facoltà accordate a questa magistratura stanno appunto a dimostrare con quale rigore nello Stato primitivo fosse seguita e controllata la condotta dei cittadini.

Pietro De Francisci, Spirito della civiltà romana, casa editrice Giuseppe Principato, Milano-Messina, 1940, p. 79 - 80

Innanzi tutto, l'inganno.

I tre personaggi esaltati da De Francisci, " la povertà e la semplicità di vita di un Menenio Agrippa, di un Curio Dentato, di un Cincinnato", sono tre repubblicani che avversano ogni forma di assolutismo. Non sono personaggi poveri, ma sono personaggi che non accumulano ricchezze a discapito della comunità a differenza di Seneca, Cicerone, Silla e Giulio Cesare che accumulano ricchezze a discapito di Roma.

Quando si afferma che in una comunità ci sono delle persone virtuose è necessario sottolineare come in quella comunità ci sono anche delle persone che non sono virtuose. E' proprio dell'ideologia fascista usare delle persone attente alla comunità per giustificare criminali perché appartengono a quella comunità. Ovviamente vale anche per il contrario.

Questo diventa un prologo per "imporre ai cittadini il senso del dovere". La caratteristica di Roma Repubblicana era che i doveri non erano imposti ai cittadini, ma erano imposti alle Istituzioni. A quei cittadini che agivano all'interno delle Istituzioni che dovevano agire rispettando i propri doveri.

Cincinnato ha tutti i diritti del cittadino. Quando gli chiedono di guidare l'esercito, fa propri i doveri di chi ha un compito da assolvere perché chiamato dalla comunità. Una volta che ha svolto il suo compito, smette i doveri e si riprende i diritti di cittadino.

Lo stesso vale per Curio Dentato o Menenio Agrippa. Assolvono a doveri Istituzionali al servizio dei diritti dei cittadini.

Il fascismo fa proprie le istanze cristiane attraverso le quali Dio impone alle persone il dovere morale di obbedire alle sue leggi. Ma Dio non assolve doveri nei confronti delle persone. Le persone sono tenute a supplicarlo, ma Dio non è tenuto a rispondere alle loro suppliche. Cosa diversa nell'antica religione di Roma nella quale se gli Dèi non stavano ai patti, il patto era rotto e con esso la devozione rispetto quel Dio.

La colpa non è del cittadino che non obbedisce all'autorità (si parla dei cittadini, non degli schiavi), la colpa è dell'autorità che non ottempera ai suoi doveri. Ovviamente non stiamo parlando di reati volgari come il furto, la rapina o l'omicidio, stiamo parlando di reati contro la società. Reati che mettono in pericolo la comunità come la corruzione, il tradimento, il non rispetto delle leggi da parte del magistrato, il non rispetto del patto da parte di Dio.

Il fascismo prende dal cristianesimo l'assolutismo di Dio che diventa l'assolutismo dello Stato. Lo Stato, come Dio, per il fascismo non è imputabile di delitto nei confronti dei cittadini perché, per il fascismo, lo Stato non è sottoposto a nessuna legge o dovere nei confronti dei cittadini: come il Dio cristiano.

Da qui l'addestramento all'obbedienza, specialmente dei giovani, che piace tanto la fascismo. L'autorità, che è autorità per volontà di Dio, dello Stato, va obbedita "con tutto il cuore e con tutta l'anima" come gli uomini sono addestrati ad obbedire a Dio.

Scrive De Francisci:

Ma lo strumento essenziale per la formazione di questo solido, combattivo e costruttivo carattere romano era l'educazione, la quale tradizionalmente e tenacemente instillava principii ed eccitava sentimenti che diventavano quasi naturali abitudini di vita, e che preparava i giovani agli ardimenti, alle ascensioni, agli eroismi: un' educazione che era soprattutto addestramento ad una severa disciplina, che si iniziava nell'ambiente domestico, retto dal potere sovrano del padre, e che si continuava nella vita militare, in cui venivano esaltate quelle virtù civiche di abnegazione, di coraggio, di ubbidienza e di colleganza, che non solo costituivano la base più ferma della struttura dello Stato, ma erano la preparazione più efficace per coloro che dovevano un giorno esercitare l'autorità e il comando. Nei giovani si formava così la coscienza che ad ogni autorità deve corrispondere una superiorità di fatto oltrechè di diritto, una più alta dignità di vita, una più ricca energia interiore, una più pronta e geniale capacità di iniziativa, un più profondo sentimento del dovere e della responsabilità.

Pietro De Francisci, Spirito della civiltà romana, casa editrice Giuseppe Principato, Milano-Messina, 1940, p. 80

L'educazione con severa disciplina era il metodo con cui, secondo De Francisci, si otteneva la sottomissione allo Stato. Lo Stato non era un oggetto che apparteneva ai cittadini. Lo Stato, come Dio, secondo De Francisci era il padrone dei cittadini che forgiava i cittadini come servivano allo Stato. I cittadini erano, secondo De Francisci oggetti posseduti dallo Stato e il " potere sovrano del padre, e che si continuava nella vita militare, in cui venivano esaltate quelle virtù civiche di abnegazione, di coraggio, di ubbidienza e di colleganza, che non solo costituivano la base più ferma della struttura dello Stato, ma erano la preparazione più efficace per coloro che dovevano un giorno esercitare l'autorità e il comando.". Guarda caso è la tecnica coercitiva del cristianesimo per la manipolazione mentale dei ragazzi al fine di renderli pecore ubbidienti agli ordini del capo.

Il padre, a Roma, era il rappresentante giuridico dello Stato nella sua cerchia familiare, ma non era un agente dello Stato. Non agiva in funzione della gloria dello Stato, ma agiva in funzione della propria famiglia. Non era l'obbedienza che forgiava i cittadini, come avviene nell'ebraismo e nel cristianesimo, ma era la com-partecipazione alla famiglia che saldava i legami parentali. C'erano sicuramente comportamenti di comando nella famiglia, ma ci volle l'ebraismo per legittimare il diritto di picchiare i ragazzi per costringerli ad obbedire.

Questo assolutismo in De Francisci sfocia nell'esaltazione della superiorità di razza.

De Francisci cita Dawson a sostegno delle sue tesi di superiorità di razza:

"Non esiste alcuna legge fatale di progresso che permetta di asserire che i barbari di occidente sarebbero stati capaci di creare una propria civiltà. Senza influenze esterne una semplice cultura di tribù rimane immutata per secoli come possiamo osservare nel Marocco o in Albania. La creazione di una nuova civiltà non può essere compiuta senza una dura fatica, come dice Virgilio nel verso famoso "Tantae molis erat Romanam condere gentem".

Pag. 188

E' indubbio che la storia di Roma è sfociata nell'assolutismo. Un assolutismo sfociato in assolutismo religioso che ha tolto i diritti ai cittadini per dargli a Dio. Ha tolto a Dio (veramente agli Dèi) i doveri che aveva nei confronti degli uomini e ha concesso a Dio il diritto di potere assoluto e indiscriminato nei confronti degli uomini per legittimare il potere assoluto e indiscriminato di un potere che, estraneo agli uomini, faceva degli uomini un gregge obbediente e privo di dignità umana.

Il fascista è sempre un adoratore del Dio assoluto cristiano perché da quell'assoluto fa derivare le proprie pretese di dominio sugli uomini.

La Religione Pagana ha dovuto combattere questa visione dell'assolutismo cristiano che, proiettato nel passato, diventava l'assolutismo di Roma con cui giustificare l'assolutismo dello Stato fascista come padrone degli uomini.

Se non ci si oppone a questa visione fascista, non si è pagani, si è cristiani che cercano di dare un altro colore al proprio Dio. Non siamo uguali perché usiamo la parola "Giove" per definire un "Dio". Siamo uguali se a quegli Dèi attribuiamo caratteristiche di abitare il mondo; siamo diversi, opposti, con chi a quegli Dèi attribuisce caratteristiche di dominio sull'uomo.

 

02 settembre 2022

E' indubbio che in questo momento la pandemia in Italia sta rallentando (veramente sta rallentando in tutto il mondo), ma vorrei ricordare che il 01 settembre del 2021 i casi erano 6400 per calare fino a diventare 2666 il 14 ottobre 2021. In ogni caso, oggi sono stati segnalati altri 91 morti in Italia. Non è sparita la pandemia, sembra che stia proseguendo a flussi.

 

 

03 settembre 2022

Voci incontrollate su Facebook

Corre voce che Facebook possa diventare a pagamento. Inizialmente dovrebbe chiedere dei contributi volontari, poi, come la tecnica impone, potrebbero essere richiesti soldi per fare o accedere a certe funzioni.

Facebook non è riuscito a sfondare in Russia e in Cina e questo ha compromesso la sua espansione, come social, nel mondo. L'idea fondamentale dell'ideologia operante negli USA che l'uomo è creato ad immagine e somiglianza di Dio e che tutti gli uomini sono creati da Dio anche se in alcuni ambienti funziona come effetto dell'educazione infantile, quando esce da quegli ambienti, si scontra con una realtà che per l'ideologia imperante negli USA è inimmaginabile e questo crea loro dei problemi sia di natura sociale che di natura economica.

 

03 settembre 2022

Arendt, Heidegger e l'ideologia della distruzione

L'ontologia è quella branca del pensiero filosofico in cui l'immaginario, proprio perché è immaginato diventa reale. Un oggetto di cui possiamo parlare senza metterne in discussione la realtà fattuale in quanto, tale realtà è oggetto in sé perché immaginato.

Scrive Hannah Arendt in "Che cos'è la filosofia dell'esistenza?":

Il tentativo heideggeriano di ristabilire un'ontologia malgrado Kant e contro Kant ha portato a un cambiamento profondo nella terminologia tradizionale della filosofia. è per questo che, a prima vista, Heidegger si presenta sempre come molto più rivoluzionario di Jaspers e tale abbaglio terminologico ha assai compromesso una giusta valutazione della sua filosofia. Egli dichiara espressamente di voler rifondare un'ontologia, con ciò non intendendo nient' altro che proporsi di annullare la demolizione dell'antico concetto di essere cominciata con Kant. Non c'è alcuna ragione di non prendere sul serio tale progetto, quand'anche si dovesse arrivare al risultato che è impossibile fondare un'ontologia in senso tradizionale servendosi dei contenuti provenienti dalla rivolta contro la filosofia.

Heidegger non ha mai dato un aspetto definitivo alla sua ontologia, poiché la seconda parte di Essere e tempo non è mai apparsa. Alla domanda sul senso dell' essere egli ha dato una risposta provvisoria e di per sé incomprensibile: il senso dell'essere è la temporalità. Ciò - insieme all'analisi dell'esserci (cioè dell'essere dell'uomo) determinato dalla morte - implica che il senso dell'essere è la nullità (Nichtigkeit). Era quindi logico che il tentativo heideggeriano di rifondazione della metafisica si concludesse non con la seconda parte promessa, che avrebbe dovuto determinare il senso dell' essere in generale sulla scorta dell'analisi dell'essere dell'uomo, bensì con un piccolo opuscolo dal titolo Che cos'è la metafisica?, in cui si mostra con una certa consequenzialità, malgrado i palesi trucchi e i sofismi linguistici, che in senso heideggeriano l'essere è nulla.

Il fascino speciale che il pensiero del nulla ha esercitato sulla filosofia moderna non è necessariamente indice di nichilismo. Consideriamo il problema del nulla nel nostro contesto, quello di una filosofia in rivolta contro la filosofia intesa come pura contemplazione, di un tentativo di divenire "Signori dell'essere" e perciò di porre filosoficamente la questione in maniera tale che si possa passare quasi immediatamente all'azione: il pensiero che l'essere è in fondo il nulla presenta allora un vantaggio immenso. Sulla sua base l'uomo può immaginare che il proprio rapporto con l'essere donatogli sia nient'altro che quello del creatore prima della creazione del mondo - creato, com'è noto, a partire dal nulla. Nella definizione dell'essere come nulla si trova, infine, il tentativo di abbandonare la definizione di essere come dato e di trasformare gli atti umani simili a quelli divini in atti divini tout court. Ecco la ragione inconfessata per cui in Heidegger il nulla improvvisamente si fa attivo e comincia a "nullificare" (nicbten). Il nulla cerca, per così dire, di nullificare la datità dell'essere e di mettersi al suo posto in quanto "nullificatore". Se l'essere, che non ho creato io, dipende da un Essere che non sono io e che neanche conosco, allora ciò forse significa che per l'uomo l'ambito in cui potersi sentire veramente libero non è l'essere, ma il nulla. Non potendo essere creatore del mondo, la mia vocazione non sarà forse quella di distruttore del mondo? Ecco comunque il fondamento filosofico del nichilismo moderno, la sua origine dalla vecchia antologia: esso è il prezzo del tentativo ibrido di inserire a forza le nuove domande e i nuovi contenuti nel quadro della vecchia ontologia.

Hannah Arendt, "Che cos'è la filosofia dell'esistenza?" Jaca Book, 2009, p. 65-66-67

Che Hegel affermasse che l'Essere è il nulla intendendo con Essere il creatore dell'universo che non può subire nessuna trasformazione o modificazione se non annullando sé stesso in quanto la perfezione, secondo la teologia cristiana, non può modificarsi perché, altrimenti, non sarebbe perfezione. Alla perfezione non resta che una sola modificazione: morire. Diventare il nulla del suo essere.

In Hegel la sua idea, presa dall'ultima parte del Parmenide di Platone, è logica. Ma nell'interpretazione della Arendt il nulla è il nulla dell'esser-ci cioè l'annullamento dell'uomo che abita il mondo dove la sua dimensione è un nulla privo di futuro che si realizza nella distruzione che annulla ogni fondazione di futuro.

E' l'annientamento per l'annientamento dell'uomo e del mondo in cui si realizza il super-uomo nazista che si fa "essere", Dio padrone di uomini, che come il Dio creatore annienta l'esser-ci dell'umanità mediante il diluvio universale o le camere a gas.

 

 

04 settembre 2022

La contemplazione

La contemplazione è un'attività propria dei Pagani. Per contemplare è necessario che si pensi, l'oggetto/soggetto contemplato uguale a noi. Con gli stessi bisogni e le stesse necessità. Nella Religione cristiana, Dio non contempla gli uomini perché gli uomini sono inferiori e devono essere umili e sottomessi davanti a Dio. Ma se io contemplo il fuoco, considero il fuoco una coscienza, una consapevolezza uguale a me. Se io contemplo un albero, considero quell'albero una consapevolezza uguale a me. Io sono parte dell'immenso che chiamo "Natura" che è fatta di soggetti uguali a me.

Solo il Pagano contempla; il cristiano domina, è un padrone, al massimo un cristiano può contemplare sé stesso, superiore a tutti e chiamare il sé stesso che contempla "Dio",

 

04 settembre 2022

Sto sistemando la pagina con i post fatti nel mese di agosto 2022 su Facebook.

Ho sostituito molte foto di libri che ho postato l'11 agosto con testi tratti da quei libri. Questo mi ha portato via un po' di tempo. Come il post sulla Arendt che ho condiviso. Ultimamente i cristiani sono alla ricerca di nuovi filosofi ontologici, esistenzialisti capaci di rinnovare l'idea dell'esistenza di Dio nel pensiero umano. Spero di finire presto la formattazione di questa pagina.

 

04 settembre 2022

Pubblicità elettorale

Sono invaso da pubblicità elettorale sponsorizzata. Ogni tanto mi viene voglia di scrivergli sotto un po' di parolacce, ma mi astengo e ignoro. Ignorare permette di rendere indifferente la comunicazione dei politici.

Penso che, a mano a mano che vanno avanti i giorni, le sponsorizzazioni politiche aumenteranno.

Commenti

M. S.

Ignora, oppure segnala che non ti interessa (cliccando sui tre puntini), se scrivi sotto è peggio perché l'algoritmo di facebook lo percepisce come interesse

 

04 settembre 2022

Agosto 2022, la religione pagana su Facebook

Ho fatto la pagina dei post pagani messi su Facebook nel mese di agosto del 2022. In molte parti i post li ho modificati togliendo qualche foto in eccesso e aggiungendo piccoli testi.

La pagina è piuttosto corposa e complessa e non verrà linkata dai motori di ricerca:

Ho usato questa intestazione di presentazione:

"Dimenticate la mafia come ve la rappresentano al cinema. La mafia è un sistema capillare che controlla la società attraverso istituzioni, o ruoli istituzionali, che si separano da essa. E' una struttura fatta di banchieri e di bancari, di prefetti e questori, di poliziotti e magistrati, di insegnanti, industriali a vario livello, commercianti e tenutari di concessioni governative [quelli che tralascio è per opportunità]. Hanno il controllo delle Istituzioni anche perché, nella loro attività, costruiscono schedari sui comportamenti e sui problemi di chi potrebbe creare loro dei problemi e intervengono ricattando poliziotti onesti, questori onesti, magistrati onesti, commercianti onesti industriali onesti,"

Da un post del 3 agosto 2022

 

 

05 settembre 2022

Ragionare su Darwin

(condannando l'interpretazione positivista)

L'idea positivista di superiorità evolutiva sociale dell'"uomo occidentale, cristiano" ha teso ad offuscare i fondamenti ideologici del dibattito sugli effetti delle osservazioni di Darwin sull'evoluzione.

Cosa pensava l'uomo prima di Darwin? L'idea era che Dio avesse creato il mondo. La mente di Dio era la mente creatrice ed essendo l'uomo ad immagine e somiglianza di Dio, anche se non il corpo, sicuramente la mente doveva essere immagine e specchio di Dio.

Su questo si sono costruite centinaia di teorie filosofico-metafisiche fra le quali quella secondo cui, attraverso l'anima, che si esprime nella mente, Dio governa ogni singolo uomo e ne determina il destino. Una specificazione del finalismo resa soggettiva e particolare nelle relazioni fra il singolo individuo e Dio che, una volta imposta all'uomo, costringe l'uomo a dipendere da una immaginaria volontà di Dio.

Con Darwin, nel mondo culturale, entra l'idea secondo cui non è una mente che progetto e costruisce il mondo, ma è l'ignoranza del mondo che trasformandosi costruisce il presente. E se la mente, l'intelligenza, tanto esaltata dai cristiani da Platone fino ad oggi, è solo un prodotto secondario e specifico della specie umana, l'uomo cessa di essere immagine di Dio e diventa solo un prodotto di un universo della natura che alla sua mente appare come un caos indistinguibile.

Scrive Daniel C. Dennett in "L'idea pericolosa di Darwin"

Le vertigini e il ribrezzo che questa prospettiva suscita in molti furono espressi in maniera perfetta in uno dei primi attacchi a Darwin, pubblicato anonimo nel 1868:
Nella teoria di cui ci dobbiamo occupare, l'artefice è l'Ignoranza Assoluta; si può quindi enunciare come principio fondamentale dell'intero sistema che, AL FINE DI COSTRUIRE UNA MACCHINA PERFETTA E MERAVIGLIOSA, NON è NECESSARIO SAPERE COME FARE A COSTRUIRLA. A un attento esame, si scoprirà che questa affermazione esprime, in forma concisa, lo spirito essenziale della teoria e che sintetizza in poche parole tutto quanto intende il signor Darwin, il quale, con un ragionamento bizzarramente capovolto, sembra pensare che l'Ignoranza Assoluta abbia tutti i titoli per prendere il posto della Saggezza Assoluta in tutte le realizzazioni delle capacità creative [MacKenzie, 1868].
Proprio così! Il "ragionamento bizzarramente capovolto" di Darwin era di fatto un modo di pensare nuovo e meraviglioso, capace di ribaltare completamente la visione di una Mente prima di ogni altra cosa, che John Locke aveva "dimostrato" e che David Hume non sapeva come evitare. In The Influence of Darwin on Philosophy, un libro pieno di intuizioni pubblicato qualche anno dopo, John Dewey descrive con precisione tale capovolgimento: "L'interesse si sposta (. .. ) da un'intelligenza che ha dato forma alle cose una volta per tutte alle intelligenze particolari alle quali le cose stanno dando forma anche oggi" (Dewey, 1910, p. 15). L'idea di trattare la mente come un effetto e non come "causa prima" è però troppo rivoluzionaria per alcuni - una "terribile esagerazione" che la loro mente non è in grado di accogliere in maniera tranquilla.

Daniel C. Dennett, "L'idea pericolosa di Darwin" Bollate e Boringhieri, 2004, p. 81

Anche se il positivismo cercherà di applicare l'evoluzionismo alle società per legittimare una superiorità di razza e giustificare con esso il diritto colonialista e il traffico di schivi, l'idea introdotta da Darwin entra nel campo filosofico-religioso capovolgendo il ruolo di Dio nel mondo.

E' il mondo, l'ignoranza di ogni mente, che trasforma il proprio presente e che produce il presente che noi viviamo. Sia il presente con cui noi pensiamo il mondo, sia il mondo come insieme di intelligenze che, seguendo i propri bisogni e i propri desideri, modificano il mondo mediante la loro volontà.

Intelligenza e ignoranza, una volta che facciamo uscire queste categorie di pensiero dall'ambito sociale e le trasferiamo nell'ambito della filosofia metafisica, sono due categorie prive di significato una volta che noi le priviamo della nostra soggettività. Ogni uomo si ritiene intelligente e considera intelligente ciò che incontra affine a sé stesso. Ignoranza è ciò che viene ignorato del sapere dell'uomo. Un sapere che "Dio ha dato all'uomo" e che, pertanto, deve essere il "sapere del tutto". Oggi noi sappiamo che l'uomo ignora l'immenso in cui vive e lo esplora, un po' alla volta, giorno per giorno.

Solo che, mentre la mente dell'uomo esplora il mondo giorno dopo giorno, il corpo dell'uomo abita quel mondo in ogni istante e a quel mondo si adatta e si modifica per adattarsi. La mente tenta di descrivere quel mondo, ma il corpo lo vive e lo abita mediante una forma di intelligenza che sfugge alla mente dell'uomo. Il corpo dell'uomo mette in atto i medesimi adattamenti alle variabili oggettive che incontra sia quando il suo corpo era una cellula nell'ipotetico brodo primordiale, sia quando era un piccolo rettile o un piccolo topo alla scomparsa dei dinosauri.

E' il corpo che modificandosi costruisce la mente dell'uomo. La mente come uno strumento con cui l'uomo abita il mondo e non la mente padrona dell'uomo e del corpo ad immagine di Dio.

Questa è l'idea di fondo che il cristianesimo vuole combattere a tutti i costi. Le implicazioni di questa idea sono implicazioni religiose che modificano la relazione che l'uomo ha col mondo in cui vive. L'uomo, stando a questa idea, si sottrae al dominio della mente, la mente sua in quanto mente creatrice di Dio con cui Dio domina l'uomo, e diventa un corpo vivente che usa la sua mente come uno strumento con cui vivere e abitare il mondo.

Ma questa è una questione di Religione Pagana che pensa alla vita in maniera opposta al cristianesimo e alle religioni del dominio dell'uomo sull'uomo per volontà di Dio.

 

05 settembre 2022

La difficoltà nel denunciare i problemi sociali

Quanta propaganda pseudo-politica. Tutti si accorgono che esistono problemi, ma anziché proporre qualche cosa per risolvere i problemi accusano l'altro dei problemi che loro stessi hanno creato.

E qui sono in difficoltà.

Se faccio qualche esempio di propaganda bufala, verrei etichettato come appartenente ad un partito o ad un'altro; ad uno schieramento politico o ad un altro.

Io vedo i problemi sociali, ma sono infastidito dall'uso strumentale dei problemi. Certamente le periferie delle grandi città hanno problemi, ma questi problemi si sono accumulati in 70 anni in cui tutti avevano altre cose da fare e spesso, le altre cose, erano urgenze. Ora, quando qualcuno accusa che il partito avversario non si interessa delle periferie, lui stesso non si interesserà mai delle periferie perché, qualora avesse delle responsabilità Istituzionali, ci sarebbero altre cose, altre urgenze da rincorrere.

Purtroppo questo è il mondo in cui viviamo e se si rincorre la propaganda, alla fine si distruggerà anche quello che c'è.

Io so che la BCE sta perdendo tempo nell'innalzare i tassi di interesse, ma quando alzerà i tassi di interesse in difesa della moneta, molte persone soffriranno per l'aumento dei mutui e dei costi in generale, ma pensate che un'inflazione al 10% non porta altre persone in sofferenza?

Anziché recriminare per avere qualche voto, sarebbe bene imparare a vivere nelle contraddizioni che i vari poteri sociali impongono alla società.

 

05 settembre 2022

I Dieci Comandamenti della Bibbia nell'interpretazione della chiesa cattolica

Continuo a fare manutenzione ai domini. Come questa pagina che ho revisionato oggi. Ora tocca alle pagine collegate.

Ho analizzato i principi religiosi della religione cristiana per capire dove stanno i problemi sociali. Era l'impegno principale di 20 anni fa.

Ritengo di aver chiarito in cosa consiste l'orrore cristiano e la necessità di un diverso modo di pensare l'essere una persona religiosa nel mondo.

I Dieci Comandamenti della Bibbia nell'interpretazione della chiesa cattolica

STREGONERIAPAGANA.IT

I dieci comandamenti della bibbia, scritti nell'Esodo e nel Deuteronomio nella loro relatà giuridica e negli effetti sociali. Sia nel tempo presente che nella storia.

 

05 settembre 2022

Dante Lioi Filho

Ciao, Claudio.

Concluso il filosofo Mao Tsé Tung. [conclusa la traduzione in lingua Portoghese della biografia di Mao Tsé Tung].

Abbraccio, amico.

 

 

06 settembre 2022

Manipolazione mentale religiosa dell'infanzia

Ben prima della scoperta dei neuroni specchio la psicologia sperimentale aveva scoperto come la religione cristiana era imposta mediante atti di violenza sull'infanzia. Una violenza sottile che aveva alla sua base il ricatto affettivo del bambino che si sottoponeva alla violenza subita pur di essere accettato e approvato dall'ambiente parentale.

Gli adattamenti da accettazione della violenza da parte dell'infanzia, veri e propri atti di stupro emotivo, venivano confermati, in un secondo tempo, dall'ambiente scolastico e sociale dove, gli adattamenti messi in atto nella prima infanzia, venivano perfezionati dal bambino per poter essere accettato nell'ambiente sociale.

Le ricerche di Vianello dell'università di Padova ebbero un grande impatto negli anni '80, suscitarono un certo stupore, ma vennero quasi subito annullate, nascoste sotto una valanga di informazioni giornalistiche il cui scopo era rinnovare il diritto dei cristiani di stuprare l'infanzia per la gloria di Dio.

La contrapposizione sociale per uscire dal cristianesimo è una questione religiosa. Solo con la religione, opponendo una religione diversa alla coercizione cristiana è possibile garantire all'infanzia un futuro sociale diverso dal conflitto "sottomettiti e adattati altrimenti ti uccido" imposto dal cristianesimo.

Scrive Vianello

Ritualismo, accettazione passiva, nozionismo nella religiosità infantile

Abbiamo già avuto più occasioni di notare come molte nozioni religiose vengano assimilate con difficoltà dal bambino (ad es. la nozione di Dio onnipresente, eterno, spirito, di Cristo Uomo e Dio, ecc.) e come molte siano le distorsioni che opera il bambino nel cercare di rendere assimilabile ed almeno parzialmente coerente l'istruzione religiosa ricevuta (ad es. l'umanizzazione di Dio, oppure il fatto che la nozione di Dio-Spirito venga assimilata da alcuni bambini di 6-8 anni come Dio-fantasma, cioè come un uomo invisibile, oppure l'interpretazione che Dio-onnipresente voglia dire Dio-grande, immenso, come un gigante, ecc.). Molto spesso quindi il bambino non assimila sufficientemente l'istruzione religiosa e la sua religiosità è accettata passivamente come una imposizione dell'adulto e si traduce, proprio per questo, in nozionismo e ritualismo. Un po' tutti gli studiosi sono concordi nel considerare la religiosità infantile, almeno fino ai 10-11 anni, come non interiorizzata e ritualistica. Scrive ad esempi o il Gruehn: "Si ha una religiosità accettata secondo le norme dell'autorità. Soprattutto verso i 6-7 anni si incomincia a far attenzione all'osservanza precisa e scrupolosa delle norme e si biasima ogni tentativo di cambiamento che modifichi la regola o il rito. Si ha una coscienza rigida e scrupolosa, in fondo ancora magica, in quanto il bambino pensa che la potenza divina possa esplicarsi solo se un determinato rito è stato compiuto nel modo più esatto" (1956). Il ritualismo, in effetti, non è solo il prodotto della mancata assimilazione delle nozioni religiose, ma è particolarmente favorito nel bambino dall'atteggiamento realistico e dall'atteggiamento magico che portano ad una supremazia del rituale e del tradizionale sul significato e sulle intenzioni. Una ricerca condotta da Dumoulin e Jaspard rivela molto chiaramente questa caratteristica della religiosità infantile. Essi hanno esaminato il senso che i bambini attribuiscono a due segni simbolici presenti in chiesa: la lampada rossa (che indica la pres enza sacramentale) e il segno di croce con l'acqua santa (che indica che ci si accosta al sa- cro). Essi hanno trovato che fin dai 7 anni il bambino manifesta il proprio formalismo e a cominciare dagli 8-9 anni egli "insiste sull'obbligo di mantenere nel posto suo il segno della lampada rossa e sulla necessità di contrassegnare la propria appartenenza al gruppo di Dio mediante il rito dell'acqua santa entrando in chiesa ... se non sono scrupolosamente osservate le regole istituzionali, vi è peccato o sacrilegio". In generale, dunque, la religiosità del bambino non sembra impostata su convinzioni e scoperte personali, ma sulle regole che sono state impartite dagli adulti. Come dice il Lutte: "La religiosità infantile è accettata d'autorità ed è irriflessa: la struttura della personalità infantile, centrata sugli adulti, spiega come, anche nel campo religioso, il bambino accetti le idee e gli atteggiamenti religiosi, senza badare o senza vagliarli attraverso una riflessione personale…" (1962, p. 308)2, ed aggiu nge: "La religiosità del bambino è verbalistica e ritualistica. Nel comportamento religioso infantile si trovano ripetizioni di gesti appresi o imitati e di frasi imparate a memoria, ma senza comprensione del loro esatto significato.

Renzo Vianello, La religiosità infantile, Ed. Giunti, 1976, pag. 257 - 258

Senza la violenza della pratica ritualistica cattolica e cristiana che costruisce la sottomissione e l'accettazione delle pratiche da parte del bambino, non esisterebbe quel concetto di "fede" che è malattia di impotenza soggettiva delle persone incapaci di sottrarsi ad un ambiente che impone loro sottomissione e accettazione.

L'ambiente parentale prima e l'ambiente sociale poi, sottoposto alla coercizione violenta del cristianesimo, costringe il bambino a farsi cristiano per garantirsi un posto nella società. Per farsi cristiano il bambino manipola la propria struttura emotiva. La adatta alle richieste che pervengono dall'ambiente e per tutta la vita sarà prigioniero dei suoi stessi adattamenti finendo per distruggere la propria vita e la vita degli altri in ginocchio supplicando un Dio padrone che lo consoli per il proprio fallimento.

 

06 settembre 2022

Come si forma la percezione e i meccanismi dell'azione magica in Stregoneria

Dopo aver finito di cambiare la formattazione alle pagine che analizzano i 10 comandamenti cristiani e i loro effetti nella storia ora ho iniziato ad impostare la modifica della formattazione di questo gruppo di pagine.

La pratica della stregoneria è la pratica della trasformazione, ma per riuscire a capire come si pratica trasformazione è necessario conoscere come avviene la trasformazione dell'uomo e della sua coscienza e che forze e che fulcro dobbiamo usare per poter modificare la nostra percezione in funzione delle nostre necessità.

STREGONERIAPAGANA.IT

I meccanismi di formazione della percezione e il loro uso per modificare la percezione.

 

06 settembre 2022

Ho sistemato un po' di pagine sulla formazione della percezione. È l'argomento centrale della Stregoneria. Domani continuo e farò la pagina della biografia su Mao Tse Tung in lingua Portoghese tradotta da Dante.

 

06 settembre 2022

Variazione climatica

Secondo alcune fonti di informazione, la siccità in Europa nel 2022 è stata la peggiore degli ultimi 500 anni.

 

 

07 settembre 2022

Perché il Dio dei cristiani non rispetta le leggi

Il problema religioso è il medesimo problema che esiste nella società. La questione non è se le persone rispettano le leggi, ma se Dio rispetta le medesime leggi imposte ai cittadini.

E' la stessa questione che esiste nella società. Il problema non è se i cittadini devono rispettare le leggi, ma se le Istituzioni rispettano quelle leggi nelle relazioni e nello spirito in cui quelle leggi furono emanate.

Quando le Istituzioni o Dio non rispettano le leggi imposte ai cittadini, all'infanzia in particolare, i processi adattativi dei cittadini, dell'infanzia in particolare, tendono ad identificarsi con Dio o con le Istituzioni che pensano sé stesse al di fuori della legge e privi di doveri nei rispetto a quella legge che, al contrario, a loro è imposta con la violenza.

E' il principio di Paolo di Tarso secondo cui essere cristiani permette di delinquere in quanto il cristiano è al di fuori della legge e il suo delinquere non è in funzione di sé stesso, ma per la gloria di Dio. Così le Istituzioni che delinquono o che violano le leggi, non lo fanno per sé stesse, ma per la gloria dello Stato, di Dio, e sono al di fuori della legge. Quando non sono al di fuori della legge viene, comunque, mediante la propaganda dell'informazione, mantenuto un atteggiamento di tolleranza e di comprensione per quei delitti. Tipo: "Cosa vuoi che sia Gesù che ordina di buttare le persone chiamate loglio nei forni crematori?", Si tratta solo di una battuta. Questo genera un atteggiamento di complicità, se non di comprensione, per i delitti che vengono commessi dal Dio dei cristiani: "Cosa vuoi che sia il diluvio universale: ha punito i malvagi.". Veramente, ha macellato l'umanità,

Tutto questo costruisce delle persone che cercano di adattarsi a questo meccanismo preferendo il ruolo dell'Istituzione che domina al ruolo di cittadino che sente l'oppressione del dominio di un'Istituzione che non è attenta a rispettare leggi e norme. Cittadini che vogliono essere al di fuori della legge e delle norme la cui unica pulsione è "comandare", magari nel ristretto ambito di una miseria sociale, come nella famiglia. Poi, quando qualcuno si ribella al ruolo imposto, spesso vanno di coltello per ripristinare il loro diritto al dominio.

Il problema sociale è il medesimo problema religioso: imporre i doveri a Dio e condannare Dio per i suoi delitti. Alcuni filosofi (come Pascal) si sono inventati che "Dio è buono a prescindere...", ma ai bambini non viene imposto il Dio dei filosofi, ma il Dio della Bibbia, quello che ammazza tutti, come un eroe di Marvel che scende dalle nuvole con grande potenza e distrugge la Terra.

L'uomo non è creato ad immagine di un Dio pazzo cretino e deficiente, ma una società in cui l'Istituzione si ritiene fuori dalla legge, costringe le persone ad identificarsi con un Dio pazzo, cretino e deficiente per poter veicolare una pulsione di dominio per non vivere nella frustrazione e nell'angoscia.

 

07 settembre 2022

A biografia de Mao Zedong

Una pagina tradotta da Dante per gli amici di lingua Portoghese.

E' stato un lavoro molto impegnativo perché ne ho approfittato per costruire il nuovo tipo di formattazione ad applicare a tutte le pagine della partita di calcio e alle biografie dei filosofi.

E' necessario curare il punto di vista della Religione Pagana in tutti gli ambiti della cultura anche se particolare attenzione va dedicata alla filosofia metafisica, alla psicologia e alla teologia.

Si tratta di un modello da applicare ad oltre 200 pagine web.

A biografia de Mao Zedong

RELIGIONEPAGANA.IT

 

07 settembre 2022

Riflessione sulle "antiche credenze"

A volte mi risulta difficile, se non impossibile far capire alle persone che quelle che loro chiamano "tradizioni celtiche", "druidiche", "germaniche" o "nordiche" in realtà sono quello che i cristiani vogliono che "celti", "druidici", "germanici" ecc. devono credere che le loro credenze siano per poter meglio essere convertiti al cristianesimo.

Quando noi parliamo del periodo che va dal 600 d.c. noi dobbiamo pensare ad un'Europa completamente analfabeta dove gli unici a scrivere erano i frequentatori dei monasteri cristiani.

I missionari cristiani sparsi per l'Europa scrivevano testi su che cosa quei popoli dovevano credere e proiettavano su quello che dovevano credere i testi della bibbia e dei vangeli che era l'unico libro ammesso assieme ai testi devozionali dei "santi",

Un esempio tipico di questa opera missionaria cristiana è l'albero cosmico che diventa Yggdrasill delle popolazioni nordiche.

Questo metodo i cristiani lo hanno applicato con tutti i popoli quando non erano in grado di macellarli. Il controllo della scrittura in una popolazione analfabeta era infinitamente più dirompente di quanto è il controllo della televisione al giorno d'oggi. La parola scritta era un potere. Lo ha scritto! E' scritto e, dunque, doveva essere vero.

Dopo qualche generazione, la logica diventa questa: "Dal momento che noi abbiamo l'idea dell'albero cosmico di Dio e voi avete Yggdrasill al quale è stato appeso Wednesday come alla croce è stato appeso Gesù ed entrambi sono giunti alla conoscenza. Non siamo, in fondo, molto diversi. Crediamo in cose simili." E dopo un paio di generazioni: "Chi ve lo fa fare di credere in Wotan, credete in Gesù che guiderà le armate alla fine dei tempi venendo in grande potenza dalle nubi."

E alla fine, con un bastone, un po' di violenza, qualche omicidio e ricatti economico-sociali sparisce Yggdrasill e rimane solo la croce.

Scrive Alfonso di Nola in "Il diavolo";

Nella religione ebraica antica, anteriore, cioè, alla distruzione del Tempio, appaiono le premesse storiche che porteranno alla configurazione del tema demoniaco nel Cristianesimo, secondo una serie di testi che sono sostanzialmente fra loro contraddittori, alcuni rigorosamente teologici, altri chiaramente mitici. L'idea principale che domina la demonologia anticotestamentaria è che il diavolo non è figura che, in un dualismo di tipo iranico, si oppone a Dio, ma è dallo stesso Dio voluto e creato per imporre all'uomo una prova. Nel paradiso, secondo il racconto jahwista, è posto un albero della conoscenza del bene e del male, il cui frutto non deve essere mangiato dal primo uomo per espressa prescrizione divina perché, se egli ne mangia, morirà. Tale albero è al centro dell'Eden e produce un frutto che, sebbene proibito, è buono a mangiarsi e bello a vedersi, mentre l'albero stesso comunica, a chi ne mangia il frutto, la capacità di divenire intelligente e di conoscere. Al termine della narrazione relativa al la cacciata della prima coppia dall'Eden appare, invece, la menzione dell'albero della vita, sulla via del quale, ad Oriente dell'Eden, sono posti i Cherubini che vibrano da ogni parte la spada fiammeggiante, per custodire l'albero medesimo ed impedire l'accesso ad esso. Le relazioni fra i due alberi non sono chiare e si presuppone che, nella narrazione, siano venute a fondersi due tradizioni diverse, delle quali quella relativa all'albero della vita è ben documentata nell'area mesopotamica. In ogni caso, i due alberi sembrano essere identificati nella posteriore tradizione, perché l'albero cosmico del quale parla Ezechiele I ha, insieme, i caratteri di albero che dà la vita, che è radicato nella vita, e di albero che dà la conoscenza.

Alfonso Di Nola, Il diavolo, Editore Newton, 1994, pag. 151

Le persone dovrebbero imparare a vivere in un mondo che le sta predando. E la predatura non nasce ora. Il predatore ha disseminato la storia e il tempo delle sue trappole. Trappole avvelenate pronte a ghermire gli sciocchi che credono che qualche cosa sia dato loro gratis.

L'unica difesa è pescare da noi stessi e poi incontrare le "credenze" di popoli che ci hanno preceduto avendo ben chiaro che gli antichi vivevano per contraddizioni e per conflitto e quelli che molti di noi sognano di imitare la tradizione, in realtà, non solo sono stati sconfitti, ma non sono stati in grado di trasmetterci la lor tradizione e ciò che loro penavano del mondo.

E noi, che cosa pensiamo?

Anziché cercare un'Autoritas, facciamoci Autoritas.

In questo modo possiamo imitare gli Antichi senza scimmiottarli.

 

 

08 settembre 2022

Campagna elettorale

Facce appassite
teste tarlate
Parole che escono dalla bocca
prive di idee
che come pezzi di ghiaccio
si sono sciolte in meandri
di vuoti cerebrali
colando lentamente dal naso
Cosa cerca il politico
sorridendo dal palco televisivo?
Vuole essere eletto per poter
avere un fazzoletto
e pulirsi il naso dove
quelle idee che colano
hanno il colore e il sapore della putrefazione.

[riflessione notturna sui politici invadenti]

 

08 settembre 2022

Oggi si riunisce la BCE per decidere sui tassi. Intanto, con l'inflazione a quasi il 10% il covid-19 ha fatto oggi altri 57 morti.

 

08 settembre 2022

Il vecchio e il bimbo minchia

Un vecchio camminava lungo un sentiero...
Un vecchio camminava lungo un sentiero...
Un vecchio camminava lungo un sentiero...
Un vecchio camminava lungo un sentiero...
Vecchio dacci la tua saggezza, tu che cammini lungo un sentiero...
Il vecchio alzò lo sguardo,
li guardò per qualche attimo e poi disse:
"Perché, davvero sto camminando lungo un sentiero?
Mi sa che mi sono perso.
Sapete dove conduce questo sentiero?"
Chiese il vecchio continuando a camminare.
Un vecchio camminava lungo un sentiero...
Un vecchio camminava lungo un sentiero...
Un vecchio camminava lungo un sentiero...
Un vecchio camminava lungo un sentiero...

 

08 settembre 2022

Torna l'inflazione

La BCE ha aumentato i tassi dello 0,75%. Ora il costo base del denaro è a 1,25% che si moltiplica passando per le banche e per le finanziarie.

Come succede all'improvvisa variazione dell'oggettività, qualcuno guadagnerà di più e qualcuno, al contrario, sarà in difficoltà.

Io non credo che questo conterrà l'inflazione. L'inflazione è data dalla somma di speculazioni individuali all'interno di un contesto di difficoltà che giustifica psicologicamente le azioni che portano ad aumentare i prezzi. Il prezzo del petrolio è ora a circa 83 dollari al barile, ma la benzina non è diminuita da quando il prezzo del petrolio era a 120 dollari al barile.

 

08 settembre 2022

Percezione nella prescienza e nella precognizione

Ho terminato di dare la nuova formattazione alla ventina di pagine sulla percezione. E' un lavoro che ho fatto circa 15 anni or sono per raccontare in che cosa consiste la percezione, la costruzione della percezione e la modificazione della percezione soggettiva fino alla nascita della percezione extrasensoriale e in che cosa questa consiste.

Le pagine girano da una quindicina d'anni sull'web e io do' per scontato questo lavoro. Sicuramente ci sarà qualche cosa da aggiungere, ma al momento non intendo prendere in mano questa narrazione che ritengo sufficientemente esaustiva.

STREGONERIAPAGANA.IT

La precognizione e la prescienza come capacità della percezione del soggetto di intuire gli effetti dell'azione o delle decisioni.

 

08 settembre 2022

La monarchia e Dio

Io sono contro la monarchia. Sono contro la monarchia in nome di Dio sia quando quella monarchia ha a capo Bergoglio e Ratzinger, sia quando ha a capo Elisabetta II, Loro sono creati da Dio. Padroni per volontà di Dio.

Io sono con i principi di questa Costituzione, mi auguro che non vangano modificati, e condivido sia le scelte di Robespierre, che costruì la Democrazia, sia con le scelte dei partigiani a Piazzale Loreto che posero le basi per questa Costituzione. E non dimentico come il re e la regina d'Inghilterra vendettero i bambini alle chiese cristiane per deportarli in Australia e farli violentare.

Questo è la monarchia!

 

08 settembre 2022

Attesa e meraviglia

Seduto sulla riva del fiume
in una sera di tarda estate
osserva stupito l'andare lento di quel galleggiamento.
Improvviso, sul suo volto, appare un ghigno stupito,
Una frase smozzicata esce dalle sue labbra.
"Una, ancora una, che precede il mio andare".
La sofferenza che hai generato
ti ha portato a galleggiare in questo fiume del nulla.
Dagli occhi degli sgherri scendono lacrime
ignorando il dolore degli uomini a cui hai rubato la vita.

 

08 settembre 2022

Orfeo si presenta agli arbitri della Partita Mondiale di Calcio della filosofia:

Il nuovo venuto sorrise agli arbitri e disse: "Io sono Orfeo colui che accompagnò gli uomini ad incontrare gli Dèi in un universo in cui tutto diviene e si trasforma. Ho indicato agli uomini la via dei desideri, delle passioni, delle necessità perché tutto è possibile se hanno la volontà di trasformarsi in Dèi. Per Euridice sono sceso nella parte più oscura dell'Ade, là dove impera il nulla e nessuna luce può entrarvi o uscirne. Ma non lo farò per nessun uomo o Dio che ha rinunciato ad usare la propria volontà nella propria esistenza. Quell'antro non è abbeverato dalle fresche acque di Mnemosine, là la memoria è cancellata come è cancellata l'esistenza e il ricordo dell'esistenza stessa. Ma io sono un cantore della vita. Sono il cantore del venir in essere della vita e a me è possibile ciò che ai mortali e agli immortali non è possibile."

---Introduzione---continua---

Orfeo e i filosofi fondamentalisti contro esistenzialisti fase n. 10, azione 51

Fondamentalisti contro Esistenzialisti n. 10

Capitolo 82

La partita di calcio mondiale fra i filosofi - Orfeo

 

 

09 settembre 2022

Ho ripreso a lavorare sulla Partita di Calcio mondiale della Filosofia.

Ho terminato il 51esimo scontro con la presenza di Orfeo. Domani lo pubblico e imposterà l'ultimo scontro il 52esimo. E' un lavoro che ho sospeso per tutta l'estate.

 

09 settembre 2022

Riflessione sulla morte di una regina

Mi stavo chiedendo se alle persone interessa di più la morte di una novantaseienne nullafacente e superpagata, mi riferisco a Elisabetta II ricordando che ieri, nel silenzio più totale, sono morte in Italia 89 persone di covid-19 e alcune di loro più giovani di lei, o l'aumento dei tassi di interesse (un aumento fatto con molto ritardo che ha messo in pericolo la moneta e che ha ignorato le dinamiche inflattive per troppo tempo) operati dalla BCE che si riversa sui conti italiani.

Il discorso vuole sottolineare: su che cosa le persone mettono attenzione scegliendo fra gli avvenimenti? Non esiste "questo e quello", esistono un infinito numero di "questi e quelli" nei quali scegliamo e a seconda di che cosa eccita le nostre emozioni, in quella direzione, organizziamo la nostra vita.

Commenti

A. J. A.

Certamente c'è il feretro della regina ma anche gli innumerevoli feretri viventi che la piangono.

 

09 settembre 2022

Orfeo si presenta agli arbitri della Partita Mondiale di Calcio della Filosofia

spiega l'azione n. 51

---continua dal precedente---

"Tu sei un uomo!" Esclamò Yahweh

"Già!" Gli fece eco Allahu Akbar "Come è possibile che tu possa fare ciò che a noi non solo non è concesso di fare, ma che si sta configurando come la nostra morte di Dèi rinchiusi in un nulla senza fine?"

"Gli uomini, come tutti gli Esseri della Natura, figli di Hera e Zeus, sono degli Dèi qualora imparino ad usare la loro volontà nella loro esistenza e per la loro esistenza." Mentre diceva questo, Orfeo fissò Beppi di (o da) Lusiana continuando "A te è possibile ciò che è impossibile per Yahweh e Allahu Akbar. Loro sono la verità immobile e per questa immobilità hanno sacrificato le loro possibili trasformazioni e il loro possibile divenire. Loro si sono erti a verità di un universo immobile e nella violenza per riaffermare questo diritto all'immobilità, alla verità, si sono condannati alla dissolvenza. Finché potranno, ancora si nutriranno della disperazione degli uomini che, supplici, doneranno loro il loro dolore e le loro angosce, ma ciò non dura in eterno e sentono che il loro tempo sta per finire. Tu, uomo, sei un Essere della Natura e ad ogni nuovo nato concedi la possibilità di eternità. Al di là che tu fornisca al nuovo nato gli strumenti per trasformarsi o meno, al nuovo nato è sempre offerta una po ssibilità di eternità."

Poi, Orfeo, fissando la sua attenzione su Fanes disse: "Da uomo divenni Dio. Nacqui capretto e caddi nel latte seguendo i sentieri di Persefone rivelai agli uomini il cammino attraverso il quale è divenuto l'universo. Ho raccontato di quando Eros, dispiegando le sue ali d'oro, si trasformò nell'intento della materia per consentirle di diventare cosciente. In questo modo Nera Notte divenne utero della vita e il nero dell'universo fu abitato dalle luci delle stelle."

Si incrociarono gli occhi di Fanes e Orfeo e per un attimo, agli occhi degli arbitri che osservavano, Orfeo e Fanes si fusero come fossero la stessa persona. Un attimo, solo un attimo. Poi le figure parvero separarsi e Orfeo tacque.

Orfeo e i filosofi fondamentalisti contro esistenzialisti fase n. 10, azione 51

---continua---

 

09 settembre 2022

Orfeo e i filosofi fondamentalisti contro esistenzialisti fase n. 10, azione 51

Ho terminato il commento di Orfeo alla 51esima azione della Partita mondiale della filosofia. Orfeo riflette su citazioni da Nietzsche, dal corano, dai vangeli, da Paolo di Tarso e da Bergson.

E' l'ultimo scontro fra fondamentalisti ed esistenzialisti.

Orfeo e i filosofi fondamentalisti contro esistenzialisti fase n. 10, azione 51

RELIGIONEPAGANA.IT

 

09 settembre 2022

Orfeo racconta in cosa consiste la ferocia di Gesù

Orfeo riflette su Gesù davanti a Pilato.

Scrive il Vangelo di Giovanni:

"Rispose Gesù: "Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai Giudei; ma il mio regno non è di quaggiù". Allora Pilato gli disse: "Dunque tu sei re?". Rispose Gesù: "Tu lo dici; io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per rendere testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce". Gli dice Pilato: "Che cos'è la verità?". E detto questo uscì di nuovo verso i Giudei e disse loro: "Io non trovo in lui nessuna colpa. Vi è tra voi l'usanza che io vi liberi uno per la Pasqua: volete dunque che io vi liberi il re dei Giudei?". Allora essi gridarono di nuovo: "Non costui, ma Barabba!". Barabba era un assassino. Allora Pilato fece prendere Gesù e lo fece flagellare. E i soldati, intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo e gli misero addosso un mantello di porpora; quindi gli venivano davanti e gli dicevano: "Salve, re dei Giudei!". E gli davano schiaffi. Pilato intanto uscì di nuovo e disse loro: "Ecco, io ve lo conduco fuori, perché sappiate che non trovo in lui nessuna colpa". Allora Gesù uscì, portando la corona di spine e il mantello di porpora. E Pilato disse loro: "Ecco l'uomo!". Al vederlo i sommi sacerdoti e le guardie gridarono: "Crocifiggilo, crocifiggilo!". Disse loro Pilato: "Prendetelo voi e crocifiggetelo; io non trovo in lui nessuna colpa". Gli risposero i Giudei: "Noi abbiamo una legge e secondo questa legge deve morire, perché si è fatto Figlio di Dio". All'udire queste parole, Pilato ebbe ancor più paura ed entrato di nuovo nel pretorio disse a Gesù: "Di dove sei?". Ma Gesù non gli diede risposta. Gli disse allora Pilato: "Non mi parli? Non sai che ho il potere di metterti in libertà e il potere di metterti in croce?". Rispose Gesù: "Tu non avresti nessun potere su di me, se non ti fosse stato dato dall'alto. Per questo chi mi ha consegnato nelle tue mani ha una colpa più grande". Da quel momento Pilato cercava di liberarlo; ma i Giudei grid arono: "Se liberi costui, non sei amico di Cesare! Chiunque infatti si fa re si mette contro Cesare". Udite queste parole, Pilato fece condurre fuori Gesù e sedette nel tribunale, nel luogo chiamato Litòstroto, in ebraico Gabbatà. Era la Preparazione della Pasqua, verso mezzogiorno. Pilato disse ai Giudei: "Ecco il vostro re!". Ma quelli gridarono: "Via, via, crocifiggilo!". Disse loro Pilato: "Metterò in croce il vostro re?". Risposero i sommi sacerdoti: "Non abbiamo altro re all'infuori di Cesare".

Vangelo di Giovanni 18, 36 - 40 e 19, 1 - 15

"Il regno del nulla è abitato dal nulla che nutrendosi di nulla affascina gli uomini e le donne mediante illusioni." Riprende Orfeo "Si legge la storia di Ulisse, il "glorioso Ulisse", che torna ad Itaca dopo aver distrutto Ilio. Ulisse è un uomo. Un uomo che non governa la nave da solo. Ha con sé altri uomini. Uomini che spesso non hanno un nome, non hanno una storia, non hanno un'Itaca nella quale tornare. Uomini che avrebbero benissimo potuto rimanere ad Ilio e costruire la propria vita, ma hanno rinunciato alla loro vita per seguire il sogno di Ulisse. Tornare ad Itaca. Omero non ci racconta dei sogni e delle aspettative di quegli uomini. Per seguire il sogno di Ulisse quegli uomini hanno rinunciato al loro nome, alla loro personalità, ai loro desideri mettendosi al servizio del sogno e dei desideri di Ulisse che non avrebbe potuto realizzare il proprio sogno se non lastricando il proprio viaggio dei loro cadaveri che ha disseminato lungo il suo percorso. "...i miei schiavi avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai Giudei". Io con un nome, loro solo un numero. Senza personalità, senza bisogni, senza desideri se non quelli di servire lui, Gesù, Ulisse. Loro numeri, massa informe, relegati nel rumore di fondo della storia mentre io, Gesù emergo come un eroe servito da mani invisibili. Gesù lastrica di cadaveri del nulla il suo cammino di morte e quei cadaveri desiderano quel nulla immaginando un mondo di gloria che li sottragga al dolore di una colpa immaginaria nella quale sono rinchiusi. Gesù è il re; Gesù è il padrone; Gesù è la verità a cui tutti si devono sottomettere. E la sottomissione trasforma uomini e donne in cadaveri del nulla. In cosa consiste la colpa di chi pretende di essere il padrone degli uomini? E' nella pretesa, il delitto commesso. Perché la pretesa si veicola nella vita e la pretesa pretende accettazione, sottomissione e umiltà agli uomini che devono sottomettersi e poco importa se chi pretende è socialmente impotente e vive la sofferenza di non essere riconosciuto come un padrone o vive l'arroganza di chi massacra persone ribelli alle sue pretese o brucia le persone, chiamandole loglio, nei forni, Il delitto è nella pretesa, la veicolazione del delitto qualifica in maniera diversa il delitto stesso, ma non ne attenua la gravità soggettiva con la quale è commesso. Sia che la pretesa di Gesù si esprima come arroganza umile e sofferente davanti a Pilato, sia che l'arroganza di Gesù si esprima con i campi di sterminio di Hitler, non cambia la gravità del delitto commesso in quanto l'uno e l'altro sono veicolazione dello stesso delitto: la pretesa di essere padrone degli uomini. Pilato non coglie il delitto nella pretesa di Gesù di essere il padrone degli uomini. Forse egli stesso, in quanto delegato di Roma, si considera un padrone degli uomini e non coglie il delitto in chi pretende di essere il padrone degli uomini senza mettere in discussione la sua autorità di padrone degli uomini. Ma chi dovrebbe sottomettersi a questo padrone, a Gesù, coglie l'attività delinquenziale di Gesù. I soldati sbarrano la strada a Gesù che pretende di essere il loro padrone e i "sacerdoti" si rifiutano di accettare un Gesù padrone non per la sua "capacità", ma per una pretesa discendenza di razza e di sangue. E quando Pilato dice: "Ecco il vostro re; il vostro padrone!" non c'è alternativa al condannarlo a morte. Noi, dicono i "sacerdoti", non abbiamo altra autorità sociale che lo Stato e non abbiamo altra autorità che il nostro Dio. Non esistono attenuanti al delitto che ha commesso Gesù. Lui è l'istigatore di infiniti genocidi di popoli che si perpetueranno in duemila anni di storia. Lui non porta la "verità" lui è la "verità" alla quale gli uomini o si sottomettono o devono morire."

 

 

10 settembre 2022

Il discorso di Beppi di (o da) Lusiana a
Yahweh, Allahu Akbar e Fanes

Prologo all'ultima azione della Partita Mondiale di calcio della Filosofia.

--citazione--

"Questa è Atropo" mormorò Fanes "il patto della vita che Nera Notte stipulò con Caos."

"La Moira è figlia di Zeus; mette fine al filo della vita dei nati nella Natura. Ma noi non siamo nati nella Natura" disse Allahu Akbar "noi siamo figli dell'immaginazione umana e per tagliare il filo della nostra esistenza, la Moira dovrebbe tagliare il filo dell'esistenza dell'umanità".

"Il patto d'amore di Nera Notte con Caos consisteva nel fatto che, ad ogni amplesso, da cui germinava un presente possibile, sarebbe seguito un ritorno a Caos perché a modificarsi non era il presente possibile che germinava da Caos, ma era Caos che si modificava fagocitando ogni presente che si manifestava nell'universo come nella vita di ogni singolo Essere della Natura." Ebbe a parlare Fanes "Il sigillo al patto fu Atropo, l'infinitamente piccola e l'infinitamente immensa che fa girare il fuso di ogni vita nell'universo e che taglia ogni filo perché ogni presente ritorni in Caos."

"Questo è il presente dal quale siamo nati" disse terrorizzato Yahweh "se questo presente cessa, cessiamo anche noi di esistere".

Poi Yahweh, rivolto a Beppi di (o da) Lusiana chiese: "Ma tu non hai paura della Moira che taglia il filo della tua esistenza?"

Beppi di (o da) Lusiana poggiò a terra la sua zappa e vi si appoggiò come fosse un bastone buono per sorreggere un corpo che appariva stanco e, guardando Yahweh dritto negli occhi (non c'era umiltà né deferenza negli occhi di Beppi), disse: "Io vi ho creato con la mia immaginazione. All'inizio sembrava una buona idea immaginare qualcuno che soprassedesse ai meccanismi di un mondo che appariva sconosciuto alla nostra ragione. Poi, quell'immaginato prese forma e sostanza. L'immaginato divenne oggetto in sé e non si limitò più ad abitare l'immaginazione, ma pretese di essere il padrone della vita di chi lo aveva immaginato. Voi, immaginati, prendeste sostanza e noi, che vi abbiamo immaginato giocando con la vita, diventammo schiavi di ciò che avevamo immaginato. Sarebbe stato possibile non immaginarvi? Forse, ma così non è stato. Quanti uomini e donne ha annientato e reso sofferenti quest'immaginazione? Ma ora ho capito." Continuò Beppi di (o da) Lusiana, "Voi" disse rivolgendosi a Yahweh e Allahu Akbar "come pr odotto dell'immaginazione umana, siete fissi e fermi nello spazio e nel tempo perché gli uomini che vi immaginano hanno le medesime necessità (di dominio su altri uomini) nell'immaginarvi, ma la società umana è composta da uomini in trasformazione che un po' alla volta circoscrivono ed isolano gli uomini che vi alimentano con la loro immaginazione."

Poi, Beppi di (o da) Lusiana, rivolto a Fanes disse "La forza che genera coscienza nella materia inconscia, persiste, ma è sempre uguale a sé stessa. La materia modifica il suo presente, ma non si modifica il presente vissuto da Fanes che dalle ali d'oro emerse dall'uovo d'oro deposto da Nera Notte con Caos."

"Dunque" concluse il suo discorso Beppi di (o da) Lusiana "Io solo, come Essere della Natura, posso esistere oltre la Moira. Che Atropo tagli il filo di ogni specifica vita della natura o che tagli il filo dell'esistenza dell'universo, io persisto perché mi trasformo e non devo necessariamente vivere nello stato presente. Io sono trasformazione continua. Caos che diventa ragione, per una frazione di tempo, per tornare ad essere Caos con una coscienza sempre in trasformazione. Sempre uguale e sempre diversa."

"Io sono!" disse Beppi di (o da) Lusiana " e sarò oltre la Moira perché il filo che taglia la Moira è il filo del mio presente vissuto, non il filo della mia coscienza. Muore l'immaginazione umana e, con essa, ciò che vi tiene in vita perché voi, non avendo trasformazione, non avete la forza per affrontare la Moira."

---fine citazione---

 

10 settembre 2022

Riflessione su: "al lupo, al lupo!"

La mancanza di conoscenza della cultura, nella società in cui viviamo, è sopperita dalla presunzione dell'immaginazione. Le persone anziché informarsi (e studiare) preferiscono immaginare. L'immaginare diventa il "credere" che installandosi dentro alla persona impedisce alla persona di cercare cose che potrebbero mettere in discussione o contrastare la convinzione del suo "credere". In questa situazione è sufficiente "far credere" perché nell'immaginazione l'oggetto diventa reale. E dal momento che si crede in oggetti immaginari, il controllo delle persone passa attraverso lo spaccio continuo di oggetti immaginari che alimentano il loro credere.

Le industrie inquinano, ma si mette enfasi sulle scie chimiche e si alimenta l'immaginazione sulla pericolosità delle scie chimiche in modo che le persone non si interessino dell'inquinamento ambientale che le sta avvelenando.

Per controllare le persone che vivono di immaginazione serve il potere che alimenti l'immaginazione. Un potere che può essere quello televisivo o quello dell'informazione, non certo una persona qualunque.

Il buffo è che quando il potere lanciò l'allarme sulla pericolosità del covid-19, aveva tante volte lanciato allarmi che per molte persone non era credibile. Fu per questo che molte persone morirono.

 

10 settembre 2022

Questa sera sorge la Luna.

Come una coscienza si apre una via nell'oscurità.

Ci sono sempre delle oscurità da illuminare anche in un sabato sera che pone il sigillo ad un'estate che ancora non vuole tramontare.

Commenti

S. M.

E' tua la foto?

Claudio Simeoni

S. M. Si e ne ho anche altre nel movimento del sorgere.

 

 

11 settembre 2022

Allarmi e allarmismo

Le imbecillità si sprecheranno immaginando scenari apocalittici con vigili che entrano nelle case a controllare i termosifoni. La situazione economico-sociale non è divertente. La scommessa che qualcuno (politicamente si colloca a destra) fa sulla fine della pandemia, o almeno della sua fase acuta, è un gioco d'azzardo in cui puoi vincere qualcosa o perdere l'intero patrimonio di consenso politico. Una scommessa fatta sulla pelle della gente. La crisi economica, che già si intravvedeva nel 2018, è stata offuscata dall'emergenza covid-19, ma anche se nascondi i problemi sotto il tappeto della società, questi imputridiscono ed emergono. Con la guerra in Ucraina i problemi economico-sociali hanno avuto una nuova accelerazione e il capitale coglie l'occasione per sistemare i propri problemi incolpando la guerra dei disastri che lui stesso ha costruito. La situazione sociale è al limite fra una possibilità di stabilità e miglioramento e un disastro che porta alla mente la condizione della Grecia di qualche anno fa.

Su questa "scacchiera" è sufficiente muovere un pedone. Un solo pedone è in grado di dare il via ad un effetto valanga fra la sopravvivenza di una società nel suo insieme o il disastro sociale. Poi sta ai singoli essersi messi nelle condizioni di sopravvivere a qualunque provvedimento socio-economico verrà preso da chi ignora le conseguenze di quello che sta facendo.

 

11 settembre 2022

Viaggiare

 

11 settembre 2022

Mangiatelo e vomiterete

Commenti

M. S.

Che cos'è?

Claudio Simeoni

M. S. Lo ha cercato mia moglie. Si tratta di un frutto proveniente dal Texas e introdotto in Italia quando ci fu una moria di gelsi perché la pianta è della famiglia del gelso, ma i bachi da seta non la gradirono. Rimase in Italia come pianta ornamentale e i frutti sono graditi dagli scoiattoli. Si chiama "moro degli osagi" o Maclura pomifera. L'ho trovata in via Trieste andando verso Chirignago prima del cavalcaferrovia.

M. S.

Claudio Simeoni lì ce ne sono parecchi ma non ero mai riuscita a capire cosa fossero

 

11 settembre 2022

Orfeo racconta l'antico concetto di evoluzione

Orfeo riflette su Henrì Bergson e l'evoluzione creatrice

Scrive Bergson:

"Supponiamo per un istante che sia vera l'ipotesi meccanicistica: l'evoluzione sarebbe il frutto d'una serie d'accidenti aggiunti gli uni agli altri, conservandosi ogni nuovo caso accidentale a mezzo di selezione, se è vantaggioso a quella somma di casi accidentali vantaggiosi già prodottisi, che la forma attuale dell'essere vivente rappresenta. Quale probabilità vi potrà essere che, a mezzo di due serie del tutto differenti di casi accidentali addizionati, due diverse evoluzioni conducano a risultati simili? Più due linee evolutive saranno divergenti, e minori saranno le probabilità che influssi accidentali esterni o variazioni accidentali interne abbiano determinato in esse la costruzione d'organi identici, soprattutto se di tali organi non v'era traccia al momento in cui s'è prodotto il distacco. Questa analogia d'organi sarebbe, al contrario, naturale, per un'ipotesi come la nostra, in forza della quale si dovrebbe ritrovare fin negli ultimi rivali qualcosa dell'impulso ricevuto alla fonte. Ritorniamo così, dopo una lunga digressione, alla; nostra idea di partenza, quella d'uno slancio vitale originario, passante da una ad altra generazione di cellule germinali tramite gli organismi adulti, che formano fra tali cellule la connessione. Tale slancio, conservandosi nelle linee evolutive fra le quali si fraziona, è la causa profonda delle variazioni, di quelle, almeno, che, trasmettendo si regolarmente, si aggiungono le une alle altre creando specie nuove. In generale, dopo che le specie hanno iniziato a differenziarsi partendo da un'origine comune, tendono ad accentuare la loro divergenza man mano che il loro sviluppo progredisce; e tuttavia, accettando l'ipotesi d'uno slancio originario comune, esse potranno, anzi dovranno, per quanto concerne determinati aspetti particolari, evolversi in, modo identico. è quel che ci resta da dimostrare con maggior precisione mediante lo stesso esempio già scelto, la formazione dell'occhio nei molluschi e nei vertebrati, chiarendo del resto in tal modo ancor meglio l'idea di uno "slancio originario"."

Henri Bergson, L'evoluzione creatrice, Editrice scuola, 1993, p. 36 - 37, 38 - 39

"Affinché, ascoltata correttamente da noi ogni cosa circa le realtà celesti, la natura degli uccelli e l'origine degli dei, dei fiumi, dell'Erebo e del Caos, sapendola in modo retto, diciate quindi a Prodico da parte mia di piangere. In principio c'erano il Caos e la Notte e il nero Erebo e il vasto Tartaro; non esistevano né la terra, né l'aria, né il cielo; nel grembo illimitato di Erebo prima di tutto la Notte, dalle ali nere, genera un uovo pieno di vento, dal quale, nel volgere delle stagioni, nacque Eros il desiderabile, dal dorso rifulgente di ali d'oro, simile a rapidi turbini di vento. Costui, unendosi di notte con il Caos alato nel vasto Tartaro, fece schiudere la nostra specie e la condusse per prima alla luce. La stirpe degli immortali non esisteva prima che Eros non avesse mescolato insieme ogni cosa. Congiuntesi le cose le une alle altre, nacquero il cielo; l'oceano, la terra e la stirpe immortale di tutti gli dei beati." E Orfeo iniziò il nuovo discorso citando Aristofane, in Uccelli (da Orfici, Otto Kern, Editore Bompiani, 2011, p. 193) perché ritenne che, per comprendere l'azione di Bergson, era necessario ricordare "O le cose sono o non sono e, anche se si fanno ipotesi su come le cose "siano o sarebbero state" l'essere stato delle cose funziona sempre all'interno della spinta che Eros imprime alle cose spingendole a venir in essere e a trasformarsi. Nell'immaginario le cose possono essere vere o non vere, ma quando questo immaginario viene spostato per determinare il punto di vista sul e nel mondo, tale punto di vista è desiderio che si prefigge una veicolazione di sé stesso. La veicolazione e il fine della veicolazione determinano il vero o il falso dell'enunciato. Cosa desidera Bergson? Dimostrare l'esistenza di una volontà creatrice o ordinatrice del presente capace di costruire un destino che si realizza con la manifestazione del presente in cui vive. Per affermare questo dice: "l'evoluzione sarebbe il frutto d'una serie d'accidenti aggiunti gli uni agli altri,". Ovviamente si usa il termine "accidenti" perché le cause e le dinamiche sono talmente complesse alla ragione che per quanto la scienza possa individuare continuamente nuove "concause", il divenuto è sempre all'interno di uno sconosciuto che può essere definito solo genericamente. La scienza scopre il DNA, ma che tutti i viventi avessero dei legami comuni era già intuito anche se, a seconda dei progetti esistenziali, si negavano quei legami, oppure li si sottolineavano. Bergson si chiede "qual è l'impulso ricevuto dalla fonte"?" E a questo punto Orfeo finge di non sentire la risata di Fanes perché il momento che sta vivendo non è un omaggio ad un arbitro, ma è il suo canto della vita. Continua Orfeo "Lo slancio originario che Bergson vuole attribuire a Dio non è altro che la qualità della materia che si adatta alle condizioni che incontra. Si adatta, si plasma, si trasforma e genera coscienza. Una coscienza che manifesta la necessità di sopravvivere e di espandersi perché questo è l'imperativo della materia. Senza questo imperativo la materia non esisterebbe e nemmeno si trasformerebbe in cosciente e quella coscienza non manifesterebbe la sua volontà d'esistenza. Eros non si distingue dalla materia, ma la materia è Eros che si adatta e diviene nella vita."

----continua al link già postato------

 

11 settembre 2022

La luna sta per incontrare Venere.

L'osservare il mondo che ci sta attorno è proprio dell'attività degli antichi che l'uomo non dovrebbe mai smettere.

Commenti

Claudio Simeoni

Metterle a fuoco entrambe, con la mia macchina fotografica non è possibile.

 

11 settembre 2022

Uomini del destino

Abbiamo conosciuto molti uomini del destino, applauditi dalle masse, che hanno distrutto la società. Silvio Berlusconi, Beppe Grillo, Matteo Renzi, Matteo Salvini, Giorgia Meloni che sarà il prossimo Gesù che con grande potenza arriverà dalla nubi. Ci siamo dimenticati come andò a finire? Prodi e Bersani dovettero mettre una pezza sulle porcherie fatte da Silvio Berlusconi e la Lega. Matio Monti dovette mettere una pezza sul casino fatto da Berlusconi, Tremonti e Bossi; Matteo Renzi volle cambiare la Costituzione, ma fu fermato da un referendum; Grillo e Salvini sono stati fermati da un Salvini che, riconoscendo di essere un incapace ha sfiduciato sé stesso e poi dovette intervenire il PD e Draghi per salvare il salvabile. Ma tanto, le persone non hanno memoria... Tutti uomini che si sono fatti Gesù, salvatori, e che venivano con grande potenza dalle nubi fra folle festanti e plaudenti,

 

 

12 settembre 2022

Ragazzi appassionati e bulli

Da oggi inizia l'anno scolastico. Ai ragazzi si dice che tutto deve essere preso con leggerezza, ma è un inganno. Imparare è un atto di guerra e richiede volontà e impegno. Una volontà e un impegno che non può essere imposto, ma deve sorgere alimentando la passione e il desiderio di trasformarsi nell'apprendere e questo lo può fare solo la società in cui vivono. Ma tanto, si dice, ti ha creato Dio, tu sai perché Dio ti ha dato la sapienza e devi solo ricordare: è così che di distrugge una società. Una percentuale di individui ce la farà lo stesso ad apprendere a sufficienza, ma una grossa percentuale abbandonerà perché tanto, la cultura non serve per coltivare patate. Auguri a chi ama lo studio, a chi ha genitori appassionati e in cu...lo ai furbi e ai bulli di mer....da.

 

12 settembre 2022

C'è più sentimento religioso in una gazza che osserva il mondo che in quegli uomini che, in ginocchio, pregano per la provvidenza del loro Dio.

 

12 settembre 2022

Lanciano l'allarme per le stupidaggini immaginarie e non vedono i fattori che modificheranno sostanzialmente il presente rendendo, per molti, la vita difficile.

Io le cose le dico, ma a volte ho paura di fare allarmismo.

 

12 settembre 2022

Temi commenta Platone sulla giustizia fra gli uomini

Scrive Platone:

"Infatti, privati della cura del demone che ci possedeva e ci faceva da pastore, essendosi a loro volta rinselvatichite, per la maggior parte, le bestie che erano docili per loro natura, mentre gli uomini - loro - erano rimasti deboli e indifesi, venivano da esse sbranati, e in quei primi tempi erano ancora privi di mezzi e di arti: era venuto a mancare il nutrimento che si offriva spontaneo, e, d'altra parte, non avevano ancora la scienza per procurarselo, perché nessuna necessità ve li aveva prima costretti. Per tutti questi motivi, si trovano in grande difficoltà. E' per questo, dunque, che sono stati donati quelli che fin dall'antichità sono chiamati "doni degli Dèi", insieme con l'insegnamento e l'addestramento indispensabili: il fuoco da Prometeo, le arti da Efesto e dalla sua collaboratrice, e da altri i semi e le piante. E tutte queste cose che concorrono a sostenere la vita umana sono nate da questi doni, dopo che gli uomini furono abbandonati dalla cura degli Dèi, come abbiamo appena detto, e dopo che divenne necessario che essi si procurassero da vivere da sé stessi e che si prendessero cura di sé, come l'universo nel suo complesso, imitando e seguendo il quale in ogni tempo, ora in questo modo, allora in quell'altro, viviamo e nasciamo."

Platone, Tutti gli scritti, Politico, Bompiani, 2014, p. 334

"Per Platone è il demone che faceva da pastore agli uomini intesi come pecore obbedienti e sottomessi." Continua Temi illustrando lo scontro a cui gli arbitri avevano assistito "Gli uomini, abbandonati dal demone che li possedeva, erano deboli davanti agli animali che si erano "inselvatichiti" e venivano, per questo, sbranati. Platone dipinge l'idea del primitivismo. Descrive l'idea dell'uomo cacciato dal paradiso. Il paradiso di Platone consisteva nell'essere abbandonati dal demone mentre, la medesima idea nel cristianesimo è la cacciata dell'uomo dal paradiso. Platone descrive la sua paura che proietta su un ipotetico uomo antico che, abbandonato dal demone, vaga nella paura, preda di bestie ben più attrezzate di lui per vivere la vita selvaggia. Uomini che, secondo Platone, erano selvaggi ed ignoranti finché gli Dèi non portarono loro dei doni. Gli Dèi, secondo Platone, portano i doni agli uomini e lui, in quanto Platone è la rappresentazione della qualità sublime di quel dono. Lui non vive più nella paura perché lui, Platone, è colui che manifesta l'insegnamento e l'addestramento indispensabile, colui che usa il fuoco portato da Prometeo, colui che collabora con gli altri uomini (desiderando che siano schiavi ai suoi ordini), colui che beneficia di semi e di piante. Questa arroganza" insiste Temi "priva gli uomini della loro intelligenza, della loro capacità di modificare il loro presente, della loro intelligenza con cui hanno costruito il loro divenuto e costruisce l'ideologia della necessità di diffondere l'ignoranza fra gli uomini affinché il padrone possa brillare per la sua intelligenza. Così il padrone diventa il pastore di uomini ridotti a pecore di un gregge che, abbandonate dal demone della loro intelligenza e della loro conoscenza, vagano impaurite seguendo colui che detiene il bastone." "Costruito squilibrio fra gli uomini che vogliono comandare e gli uomini costretti ad obbedire, io, Temi, intervengo per riequilibrare i rapporti. Costruire una diversa armonia che non è mai un ritorno allo stato precedente, ma è un'armonia che nasce dalla disarmonia introdotta fra gli uomini. La costruzione dell'armonia passa attraverso il calarsi di Inanna nell'inferno dell'umana esistenza e attraversare le sette porte della disperazione dove le leggi vengono cambiate a seconda del capriccio del conduttore di greggi finché gli Enlil della crescita non iniziano a distribuire l'acqua della vita ai semi di libertà che possono germogliare nel cuore degli uomini. Dura e lunga è la strada che conduce alla nuova armonia, dura e lunga quanto dura e lunga fu la strada che condusse alla disarmonia. Perdere le vesti nella discesa all'inferno della vita è doloroso come riprendersi le vesti per uscire dall'inferno della vita."

---tratto da:

Temi e i filosofi fondamentalisti contro esistenzialisti fase n. 4, azione 21

La partita di calcio mondiale fra i filosofi

(i discorsi degli Dèi sono sul sito religionepagana.it)

 

 

13 settembre 2022

A me non piace fare allarmismo per fare allarmismo.

So come sta andando l'economia alla faccia degli analisti.

Infatti gli analisti sulla situazione dell'inflazione USA gli analisti dicevano: [riporto in foto e nella prossima la realtà]

 

13 settembre 2022

La realtà è molto peggiore. L'inflazione aumenta e la Federal Reserve non può far altro che aumentare il costo del denaro con il conseguente aggravio di interesse su tutti i prestiti in atto. Questo significa un ulteriore aumento dei prezzi. Ma se gli USA non stabilizzano l'inflazione la loro moneta è fallita e con il fallimento del dollaro significa il fallimento della struttura finanziaria che in questo momento sta dominando il mondo. Infatti, si aspettavano una riduzione dell'inflazione e, invece, questa aumenta rendendo ancora più instabile il dollaro.

Qual è lo scenario futuro? PROTEGGETEVI perché nessuno vi proteggerà.

 

13 settembre 2022

La diffusione del covid-19 sta rallentando. Le persone sono intolleranti alle mascherine. Oggi, intanto, altri 93 morti. C'è la possibilità che la diffusione del covid si contragga fino a sparire o c'è la possibilità di una nuova ondata per ottobre, Il 13 settembre dello scorso anno si contavano 2800, cioè il 10% rispetto a quelli di oggi.

Io non amo le scommesse quando c'è di mezzo la vita delle persone.

 

13 settembre 2022

Sto per terminare la seconda fase della Partita Mondiale di Calcio della Filosofia. Mi manca pochissimo, forse 2 giorni.

 

13 settembre 2022

Mi sembra di aver anticipato la botta che si è presa la Borsa americana. Oggi ha preso una botta, nei prossimi giorni alcune banche tenteranno il recupero, ma l'inflazione lavora come un tarlo che divora dal di dentro la struttura finanziaria.

 

 

14 settembre 2022

Kant e la mortalità dell'anima

Atropo, nella Partita Mondiale di calcio della filosofia riflette su Kant nei Prolegomeni per una metafisica futura.

Scrive Kant:

"Quando pertanto dal concetto dell'anima come sostanza si vuole concludere alla persistenza della stessa, questo può farsi solo in vista d'una possibile esperienza, ma non può valere dell'anima come d'una cosa in sé ed al di là di ogni possibile esperienza. Ora la condizione di ogni nostra possibile esperienza è la vita; quindi si può concludere solo alla persistenza dell'anima durante la vita, perché la morte dell'uomo è la fine di ogni esperienza intorno all'anima come oggetto di esperienza, fino a quando non sia dimostrato il contrario, ciò che è appunto in questione. Quindi si può dimostrare soltanto la persistenza dell'anima durante la vita dell'uomo (dimostrazione della quale si farà senza), ma non dopo la morte (ciò che veramente importa), ed invero per la ragione generale che il concetto di sostanza deve essere considerato come necessariamente connesso col concetto di persistenza solo in virtù d'un principio dell'esperienza possibile ed in vista della costituzione di quest'ultima."

Immanuel Kant, Prolegomeni ad ogni metafisica futura, Rusconi, 1995, p. 187

"Kant afferma che non è possibile dimostrare l'anima se non come esperienza, ma l'esperienza dell'anima c'è solo nella vita del corpo fisico perché non è possibile dimostrare la persistenza dell'anima oltre la morte del corpo fisico." Riprende il discorso Atropo "Il problema per i cristiani, per i platonici, per i neoplatonici, per gli islamici e per i buddisti è che tutto quello che del corpo attribuiscono all'anima altro non sono che qualità del corpo vivente e, dunque, possono persistere solo nella vita del corpo vivente. Le qualità del corpo muoiono con il corpo. Secondo i cristiani ( e gli altri) l'uomo non è "padrone" della sua "anima", del suo sentire e percepire il mondo, in quanto questa è emanazione di Dio nell'uomo e l'uomo, vivendo con le emozioni del corpo, insozza la sua anima attraverso il peccato. L'uomo va punito, secondo i cristiani, perché, con le emozioni del suo corpo, offende Dio. Questo tipo di farneticazioni portano i cristiani ad affermare che loro "bruciano i corpi per salvare le anime", Ma dal momento che quanto loro chiamano "anima" sono qualità del corpo, bruciavano corpi annullando le loro qualità trasformandoli in cadaveri attraverso la sofferenza che donava piacere a loro e al loro Dio. Diversa cosa dall'anima sono le emozioni che danno piacere. Per i cristiani, per i platonici e i neoplatonici, le emozioni che danno piacere sono frutto della "corruzione della carne". Cristiani, platonici, neoplatonici e buddisti sono nemici del desiderio. Il desiderio è l'oggetto da distruggere nell'uomo in funzione di quella sottomissione assoluta che chiamano "purezza spirituale". Il desiderio e la veicolazione del desiderio esprime quella corruzione che danneggerebbe la purezza dell'anima come manifestazione di Dio negli uomini. Eppure è proprio l'emozione che fa vibrare di piacere il corpo la condizione che plasma l'energia vitale delle persone. E' la forza che plasma il loro corpo luminoso attraverso l'energia emotiva che i soggetti impegnano nel corso della loro vita. Se gli uomini sono sottomessi ad una condizione morale, che i cristiani definiscono propria dell'anima, sono costretti a rinunciare a veicolare le loro emozioni nella loro attività e vengono costretti a rinunciare a una vita intensa, piena e soddisfacente e, in ultima, come rinuncia ad una vita piena ed appassionata, le persone vengono costrette a rinunciare a plasmare il loro corpo luminoso."

---Continua--Azione 52--partita di calcio della filosofia

 

14 settembre 2022

Messaggio omesso perché era una riproposta di un messaggio del 2017.

[ da novembre 2017 - non è cambiato nulla]

 

14 settembre 2022

Novembre 2017, la religione pagana su Facebook

E anche parte di quello che ho postato a novembre 2017, per quanto possibile, è stato recuperato.

Con novembre 2017 ho iniziato il sesto anno in cui sto recuperando i messaggi postati su Facebook e un po' spersi. In sostanza, sto cercando di ricostruire la presenza della religione Pagana su Facebook.

E' un lavoro lungo, e pesante dal momento che io le pagine le costruisco riga per riga, ma non ho altra possibilità se non perdere il materiale postato.

FEDERAZIONEPAGANA.IT

I post di religione pagana messi su Facebook nel mese di novembre del 2017.

 

14 settembre 2022

Diete e lezioni di vita

Tutti vorranno darvi lezioni di vita. Le lezioni di vita sono come le diete per dimagrire. Falliscono tutte perché si basano su schemi meccanici e non tengono conto delle predilezioni intime della singola persona nelle sue specifiche relazioni con il mondo in cui vive.

 

14 settembre 2022

Per le elezioni scordatevi i concetti di destra o di sinistra che potete avere in testa. L'80% del paese è governato da strutture di potere inamovibili e il restante 20% ci si contende il controllo elettoralmente fra individui un po' più realisti e individui che vivono di bufale e di illusioni. C'è chi farnetica e chi tenta di tenere di vista la realtà. Ma nulla più. Trovo, pertanto, piuttosto ridicola la campagna elettorale anche se so che in quel 20% sono in pericolo i diritti sociali ed esistenziali delle persone. Solo per questo vale la pena di andare a votare.

 

14 settembre 2022

Covid-19

Oggi in Italia i morti di covid-19 sono 69. Tutti fragili? E allora? cosa vorreste dire: che sono destinati a morire? Anche tu che leggi sei destinato a morire e prima o poi, anche tu diventerai un fragile: buona fortuna.

 

 

15 settembre 2022

Le guerre di Pirro

[piccola divagazione notturna sulla politica italiana. Scritta male, ma non la correggo]

Il professore raggiunse la cattedra e rivolto agli allievi disse:

"Oggi vi parlerò delle guerre pirriche."

Dopo una breve pausa, riprese:

"Le guerre pirriche ebbero luogo in Italia fra il 1994 e il 2022 quando le truppe agli ordini di Silvio Berlusconi e della P2 dettero l'assalto alla Costituzione appoggiati dai milanesi di Bossi di "Prima il nord", di "Roma ladrona" e di Forza Etna". Nel governo era presente la destra fascista. Nel primo governo, Pirro-Berlusconi si dimise per corruzione. L'invito a comparire, inviato dalla Procura di Milano, riguardava un procedimento contro un funzionario della Fininvest. Solo che Berlusconi aveva la coscienza sporca e, convinto di essere stato scoperto, dette le dimissioni dopo che la Lega di Bossi gli tolse l'appoggio."

Il professore bevette un sorso d'acqua e poi riprese:

"Questa fu la prima guerra che Pirro ha vinto provocando una disfatta da sé stesso."

"Per riparare a questa disfatta fu chiamato il comandante Dini che, appoggiato all'esterno dai partiti cercò di sistemare i disastri Berlusconiani. Dini fece una riforma pensionistica aggravando le condizioni dei futuri pensionati. La riforma delle pensioni di Dini del 1995 ha rubato molti anni di pensione alle persone."

A Dini seguì il governo Prodi che contro Pirro-Berlusconi non ebbe molto successo. Durò in carica 2 anni anche se la sua maggioranza era per pochissimi voti e fu sfiduciato da Rifondazione Comunista che aprì la strada a Pirro-Berlusconi. Caduto Prodi provò D'Alema che anziché pensare ai problemi dell'Italia fu circuito da Pirro-Berlusconi che ne chiuse l'attività in una bicamerale inconcludente quanto inutile. Seguirà un anno di governo Amato che abolirà il servizio militare obbligatorio e per la prima volta il tasso di disoccupazione va sotto il 10%.

Nel 2001 finalmente Pirro Berlusconi diventa Primo ministro. L'Italia entra nell'Euro e Berlusconi non protegge il potere d'acquisto e fa raddoppiare i prezzi.

Pirro Berlusconi sta marciando trionfante quando nel 2005 viene sconfitto alle elezioni regionali e preferisce dimettersi e costituire il suo terzo governo, ma dopo lo scandalo del Laziogate, Storace rassegna le dimissioni e Pirro-Berlusconi è costretto alla resa.

Nel 2006 Pirro-Berlusconi viene sconfitto dalla coalizione capeggiata da Prodi. Ma la vittoria è risicata. Il governo prodiano è incerto si regge su pochissimi voti, instabile e dal 2006 dura fino al 2008, ma nel 2008 dà le dimissioni costretto da Mastella.

Nel 2008 Pirro-Berlusconi stravince le elezioni e forma il suo quarto governo

Il disastro economico si stava profilando. Pirro-Berlusconi non volle vedere la crisi economica e con Tremonti si inventarono la "cartolarizzazione". Dovevano favorire gli imprenditori mentre i cittadini entrarono in assoluta sofferenza. Lo spred andò alle stelle, la pratica del puttanismo stava facendo perdere la faccia a Pirro-Berlusconi in tutta Europa e il fallimento economico stava coinvolgendo l'Italia.

Per salvare il salvabile fu chiamato Monti, uomo legato alla grande finanza internazionale, che per ovviare ai disastri di Pirro-Berlusconi e Lega mise le mani sul sistema pensionistico degli italiani

Pirro-Berlusconi batté in ritirata. Nonostante le masse che lo applaudivano sul predellino non era in grado di governare l'Italia, ma solo di farsi gli affari suoi con leggi a favore della sua persona e dei suoi affari imprenditoriali.

Mario Monti rimase al governo fino all'inizio del 2013.

Pirro-Berlusconi, con le sue televisioni chiamò a raccolta i telespettatori di telenovele portando le sue armate all'attacco per la conquista del controllo del paese. Il risultato elettorale fu una sorta di parità le armate di Pirro-Berlusconi non riuscirono a conquistare il governo. Fu il governo Letta che rimase in carica per poco meno di un anno, ma già l'uomo di Pirro stava lavorando in suo favore dicendo a Letta "Stai sereno", poco prima di sfiduciarlo. Matteo Renzi era riuscito a controllare il partito avversario di Pirro-Berlusconi dall'interno. Matteo Renzi si presentò come un "Pirro-Berlusconi della "sinistra"," ma si è dimenticato che vincere non è garanzia di possibile disfatta.

Renzi, l'uomo di Pirro, inizia a trovar gusto a fare il Pirro a propria volta. Dopo aver dato il ben servito a Letta diventa Primo Ministro e rimane in carica dal 22 febbraio 2014 al 12 dicembre 2016.

All'uomo di Pirro nella sinistra riuscì ciò che Pirro da molti anni sognava, ma non era mai riuscito a portare a termine: distruggere la Costituzione della Repubblica.

Riuscì a far approvare la riforma e la portò a referendum confermativo.

Nonostante l'appoggio massiccio della stampa e delle televisioni sia RAI che di Mediaset di Pirro-Berlusconi, i cittadini italiani bocciarono quel tentativo di presidenzialismo e il 7 dicembre 2016, visto la disfatta referendaria, il Pirro-Renzi si dimette mentre masse vocianti stanno accorrendo all'altare del nuovo messia Beppe Grillo.

Nel frattempo viene chiamato Gentiloni a gestire il disastro del Pirro-Renzi recuperando un po' la situazione sociale italiana con un PD ormai sofferente ed esaurito dall'operazione modifica Costituzione che per lui era un'azione impropria che ha subito perché imposta da un Matteo Renzi, è psicologicamente esaurito. Matteo Renzi, isolato nel Partito Democratico ora sta pensando di abbandonare il partito.

Gentiloni rimane in carica fino al giugno 2018 quando il Pirro-Berlusconi, ormai sparito dalla scena, deve lasciare il campo ad altri messia, Beppe Grillo e Matteo Salvini che danno vita il primo governo Conte.

Anche questi messia, imitando Pirro-Berlusconi, battono le gran casse della propaganda; aggrediscono le persone deboli e fragili (immigrati) distribuiscono soldi sia in forma di "reddito di cittadinanza che a quota 100 e, a mano a mano che la propaganda perde di mordente, si rivelano incapaci ad affrontare le questioni di gestione del paese. La fine del Primo governo Conte è voluta da Matteo Salvini che, riconoscendo la propria incapacità, sfiducia sé stesso.

Dopo il disastro sociale che hanno fatto, sono costretti a chiamare il nemico, il Partito Democratico, per salvare il salvabile. Ma il Partito Democratico è in una situazione delicata. Il Pirro-Matteo Renzi ha perso il suo potere e viene sempre più emarginato. Così decide di far cadere il secondo governo Conte per impedirgli di dimostrare che stava lavorando meglio di come lui aveva lavorato.

Intanto si spegne l'eco di Pirro-Berlusconi e dei messia applauditi da masse estatiche che li attendevano per elevarli agli altari. Matteo Renzi, Beppe Grillo e Matteo Salvini i nuovi Pirro che vogliono conquistare Roma, non l'hanno mai conquistata perché, una volta sull'altare, presto sono caduti nella polvere.

Per evitare un altro disastro viene chiamato Draghi che attende, ora, l'arrivo del prossimo messia che scende dalle nuvole con grande potenza; applaudito da masse esaltate che attendono i miracoli. Il 25 settembre assisteremo all'arrivo del nuovo messia."

E qui il professore tacque.

Un allievo chiese: "Professore, che accadrà poi?"

E il professore rispose: "Lo applaudiranno, lo metteranno sull'altare e poi cadrà rovinosamente. Perché chi governa Roma, deve risolvere i problemi, non limitarsi allo stipendio."

Questo è il motivo per cui Pirro non arrivò mai a Roma.

Le guerre pirriche non hanno mai fine fintanto che si cerca l'uomo del destino anziché un futuro costruito col lavoro.

 

15 settembre 2022

Costituzione e lavoro

E' nel significato del termine "lavoro" che nasce l'ambiguità. Sai quanto lavoro deve fare un ladro per scavare un tunnel e raggiungere la cassaforte di una banca? Sai quanto lavoro deve fare il bancario per convincere i suoi clienti a investire in situazioni fallimentari e fottergli tutti i risparmi? Sono lavoratori che col loro lavoro esercitano la sovranità.

 

15 settembre 2022

Cristianesimo e assolutismo politico

La destra politica è sempre più cristiana e svela il suo aspetto assolutista. In questo modo i cittadini pensano di essere come Dio, i padroni di un mondo che si deve mettere in ginocchio e, anziché modificare in meglio la realtà in cui vivono, preferiscono appropriarsi delle macerie di una realtà sociale che stanno distruggendo. L'idea cristiana secondo cui Dio è uno padrone di molti uomini ridotti a servi e schiavi che devono obbedire è l'idea di ogni messia politico. All'inizio i messia politici distruggono il presente, ma poco, poi un po' di più. Visto che non ci sono reazioni e che le razioni che ci sono vengono zittite, i messia politici distruggono ancora un po' di più fincé proclamano la distruzione "per cielo, per terra e per mare" perché "Dio lo vuole". Questo è il cristianesimo!

 

 

16 settembre 2022

0:19 / 2:32

Federazione Pagana

Presentazione del rito dell'Equinozio d'Autunno, fatta poco prima del rito, nel 2017. Il rito del silenzio celebra il mondo emotivo là dove le emozioni non si esprimono mediante le parole e dove, il mondo delle parole è considerato il mondo del silenzio perché non esprime emozioni.

 

16 settembre 2022

La realtà

A me non interessa che cosa le persone votano o non votano! A me non interessa se Russi e Ucraini si ammazzano a vicenda. A me non interessa che alla gestione dell'Unione Europea ci sono amministratori di destra legati a doppio filo agli USA. Perché non mi interessa? Perché non posso modificare questa situazione. Posso solo prenderne atto e osservare le dinamiche. Ogni volta che qualcuno "farnetica" sta agendo e in quell'azione uccide o apre a nuove e diverse possibilità. Il nostro vivere dovrebbe consistere nel comprendere le possibilità che si aprono o che si chiudono non vivere sognando mondi assurdi, speranze desiderate, aspettative salvifiche. Dovremmo chiederci in che cosa consiste il significato dei messaggi che ci giungono. Il Potere della Cultura è questo: comprendere il significato di parole, cose e fenomeni che ci giungono dal mondo in modo da poter fare delle scelte che siano vantaggiose per la nostra esistenza. Vantaggiose non solo per l'immediato, ma per una prospettiva vantaggiosa.

 

16 settembre 2022

Solidarietà

Quando il Pakistan andò sotto acqua, dissero (e molti non dissero, ma non dirlo è come se lo avessero detto), non mi frega nulla, la crisi climatica non esiste. Cosa dire delle Marche oggi? In fondo sono "solo" 10-12 morti quando ieri, con il covid che non esiste, ci sono stati 60 morti. Buffo è il gioco dell'attenzione delle persone che mette a fuoco ciò che si vuole mettere a fuoco perdendo di vista l'insieme nel quale si vive.

 

16 settembre 2022

I baristi cinesi

C'era una volta un bar che disse ai suoi clienti: troppe spese di gas e di luce, devo aumentare i prezzi.
I clienti presero la moka e si fecero il caffè prima di uscire da casa.
Il bar, allora, decise di chiudere e di vendere. In giro, però, non c'erano compratori. Allora il barista vendette il bar ai cinesi che spegnendo qualche luce, mettendo lampadine a led, contennero i costi e il bar ritornò a fare il caffè ai clienti.
Qualcuno grida all'invasione cinese, ma se aumenti i prezzi, ma non aumenti gli stipendi, in qualche modo bisogna arrangiarsi. In fondo, per il caffè c'è sempre la moka.

 

16 settembre 2022

Chissà se anche da me pioverà

 

16 settembre 2022

Vorrei ricordare che oggi in Italia ci sono stati 17364 nuovi contagi da covid-19, quasi tutti sintomi leggeri, e altri 44 morti. L'informazione si è stancata dei morti di covid-19, dove la gente continua a morire, e si concentra sul disastro dei 12 morti nelle Marche. Mi dispiace per le persone delle Marche, ma il covid-19 sta facendo una strage della quale non si vede la fine.

 

16 settembre 2022

Ora grandine!!! Acqua, lampi e tuoni. La grandine, in questo momento non sembra molta.

 

 

17 settembre 2022

Forse è davvero finito il caldo. Piogge estese e temperatura crollata.

 

17 settembre 2022

Democrazia

Penso che in Europa si sia aperto un discorso sulla Democrazia. Con la censura all'Ungheria il nodo Democrazia sembra, e dico sembra, che sia venuto al pettine. Democrazia non è mettere una croce su un simbolo e poi quel simbolo fa quello che vuole. La Democrazia consiste nella relazione fra "governo" e cittadini. Dove chi "governa" circoscrive la sua azione nei diritti dei cittadini e fa dei diritti dei cittadini i propri doveri.

 

17 settembre 2022

Il missionarismo cristiano e lo stupro dei popoli

E' sempre stato un problema comprendere il tipo di religione proprio delle popolazioni autoctone prima dell'arrivo dei cristiani e del furore distruttivo e omicida in nome di Gesù. I progetti comportamentali dell'evangelizzazione dei "non cristiani" furono messi a punto fra il 300 e il 400 d. c. e prendono l'avvio dall'ordine di Gesù di "scuotere la polvere dai sandali" col diritto di distruggere, uccidere e massacrare chi non accoglie l'evangelizzazione.

Un esempio c'è per quanto riguarda le popolazioni autoctone dei paesi che oggi chiamiamo "latino Americani". Di quelle popolazioni, massacrate da gente come il cattolico Cortez e dal cattolico Pizzarro per conto della chiesa cattolica e della cattolicissima Spagna, noi non conosciamo la religione che avevano se non per la propaganda denigratoria che ne hanno fatto i cattolici per poter giustificare il genocidio.

Riporto dal Dizionario delle religioni del Sud America di Mircea Eliade:

"Nel Concilio di Lima I, le prime quaranta risoluzioni stabilivano l'organizzazione della Chiesa degli Indios inca sulla base delle originarie divisioni tribali e regionali dell'Impero. Inoltre si ritenne prioritario rispetto al battesimo l'insegnamento carechetico nella lingua locale. Le successive ottanta risoluzioni stabilirono la struttura ecclesiastica coloniale, manifestando una netta divisione fra la parte spagnola e quella indigena della società.

Il primo Concilio messicano trattò con vivo interesse i problemi relativi all'indottrinamento della popolazione indigena, all'uso della loro lingua per la catechesi, alla necessità dei sacramenti, alla regolamentazione delle feste e danze tradizionali, alla creazione di villaggi separati e alla loro libertà nella scelta del coniuge. I Concili di Lima e del Messico furono influenzati dal Concilio di Trento (1545-1563) e si concentrarono sulle riforme ecclesiastiche e clericali e sul benessere degli Indios, il cui numero si era nel frattempo sostanzialmente ridotto.

I funzionari civili e gli ecclesiastici convennero che la politica migliore fosse quella di tenere gli Indios separati nei loro villaggi. Per i coloni questo avrebbe assicurato un maggiore controllo delle tribù e dei gruppi familiari, e ai missionari avrebbe facilitato l'indottrinamento e l'evangelizzazione. Già nel 1539 il frate francescano Juan de Alameda aveva organizzato un villaggio per oltre 40.000 Indios a Huejotzingo, nei pressi di Puebla in Messico. Ai francescani seguirono presto i domenicani, gli agostiniani e i mercedari, ma, data la vastità del territorio, molte zone rimasero senza cura spirituale. Verso la fine del XVI secolo, il sacerdote Juan de Mendieta scrisse che alcuni religiosi percorrevano centinaia di chilometri allo scopo di officiare per oltre 100.000 Indios.

Tratto da: Mircea Eliade, Dizionario delle religioni del sud-America, Jaka Book, 2020, pag. 143

La preoccupazione dei cattolici di distruggere ogni sistema religioso locale per la gloria di Gesù porta a trasformare quelle popolazioni in schiavi che devono obbedire ai colonialisti. Privati della religiosità con cui si legano al mondo, i cattolici impongono loro i confini fisici, controllano le loro feste, le danze, i matrimoni e tutto quello che riguarda la vita.

I cattolici, e qui risparmio l'elenco del genocidio che viene perpetrato in nome dell'inquisizione accusando quelle popolazioni di stregoneria, si imprigionano quelle popolazioni in veri e propri campi di concentramento e di sterminio.

Noi non sappiamo nulla di ciò che loro credevano. Ciò che desideravano. Non sappiamo con che occhi guardavano il mondo e che strategie avessero per relazionarsi in un mondo così grande ed immenso. Noi conosciamo solo l'arte della distruzione dei cattolici. Come conosciamo solo l'arte della distruzione delle "religioni pagane" del nord-Europa dove i cattolici si preoccupano di riscrivere quelle "religioni" per renderle affini al cristianesimo e costringere quelle religioni ad aderire al cristianesimo per distruggere la loro vita: come gli abitanti della Terra del Fuoco.

Per chi vuole guardare al passato, è bene che rifletta su questo: c'è stato un tempo, in cui saper scrivere e leggere era un mezzo di controllo delle persone e qualcuno ha usato massicciamente di quello strumento per controllare le persone.

 

17 settembre 2022

Ricattare la nazione

C'è una situazione sociale estremamente tesa e non per le "proteste popolari", ma per le proteste di settori sociali che vogliono garantirsi l'impunità nel rapinare la società civile. Sono cose che, se non conoscessi com'è formata la società, faccio fatica a capire. Che significa "sciopero delle bollette? Pensate di essere i primi a farli? Si organizzarono sciopero delle bollette delle famiglie (non degli imprenditori) negli anni '70. Risultato? Le famiglie furono costrette a pagare quelle bollette con le penali. Cosa si è ottenuto? Qualcuno si è fatto un po' di propaganda e quelle famiglie che avrebbero potuto organizzarsi diversamente, non lo fecero nell'attesa di un buon esito dell'azione di protesta.

Ora vedo questi "scioperi dei commercianti". Io li chiamo "puttanate" ma, sicuramente, chi pensa di trarre profitto dalle proteste degli imprenditori, si offenderà. Eppure gli imprenditori hanno sempre aumentato i prezzi rendendo difficile la vita alle persone. Persone che spesso faticano ad arrivare a fine mese. Persone che non vengono su Facebook e che, forse, non vedremo nemmeno ai seggi elettorali.

 

17 settembre 2022

Ho lavorato quasi tre giorni per recuperare i post del mese di ottobre del 2017. Molti post e foto erano spariti e sono stato costretto a fare una ricerca in archivio per recuperare le immagini.

Ho ricostruito il mese di ottobre, ma come sempre rimane il dubbio: ciò che è stato cancellato e non sono in grado di ricostruire, è andato perduto. Ho ricostruito il mese al meglio con quasi 60 foto e domani lo carico in federazionepagana.it.

 

18 settembre 2022

Ottobre 2017, la religione pagana su Facebook

La pagina del post su Facebook di ottobre del 2017 l'ho dovuta ricostruire perché molto materiale era sparito, in particolare immagini del viaggio a Montelupo e le riflessioni sul Pontefice Pretestato. Lo stesso lavoro di ricostruzione dovrò farlo per il mese di settembre 2017. Mi sembra impossibile di non aver caricato foto del rito dell'Equinozio d'Autunno di quell'anno e, infatti, alcuni giorni del rito appaiono vuoti di post. Le foto le ho in archivio, ma le riflessioni di quel momento probabilmente sono andate perdute a meno che Facebook non le faccia riapparire su qualche server di salvataggio.

 

18 settembre 2022

Metodi cristiani di colonizzazione religiosa

Per comprendere come i missionari cristiani hanno violentato la religione dei popoli usando lo strumento della violenza coloniale è sufficiente riflettere sull'idea di quella che Mircea Eliade, nel dizionario del Mito, definisce come "Eroe Culturale".

Si tratta, in sostanza, di imporre alle popolazioni violentate dalla colonizzazione l'idea che alla base delle loro credenze ci sia un "eroe culturale" che ha costruito e definito le loro credenze religiose. Questo "eroe culturale" dà il via alla loro "idea religiosa del mondo", ha moltissimi tratti in comune con l'immagine che spacciano del loro Gesù (non quella della lettera, ma quella che viene venduta come propaganda), ma sufficientemente "povera di contenuti culturali" da poter essere sostituita, in un secondo tempo, con quella di Gesù davanti al quale "ogni ginocchio si deve piegare".

Capire che il cristianesimo ha mosso guerra religiosa-culturale ad ogni popolo della Terra e che questa guerra religiosa-culturale è ancora in corso e che viene mascherata da conflitti di egemonia economica è piuttosto difficile per chi non si occupi di filosofia metafisica o ritiene che la filosofia metafisica sia irrilevante per la vita delle persone.

Il cristianesimo non agisce per ciò che pensi ora, ma agisce su ciò che pensi ora per modificarlo e far pensare fra tre o quattro generazioni. Modificare la struttura di pensiero delle persone e dei popoli è la scienza messa a punto dal cristianesimo che diversifica anche la propria conflittualità interna per avere più "armate ideologiche" finalizzate al controllo dei popoli.

Scrive Mircea Eliade nel Dizionario del Mito:

La nascita dell'eroe culturale.

L'eroe culturale è in grado di compiere queste imprese perché è ricco di potere: egli proviene da un altro mondo. La sua origine divina si rivela nei suoi genitori e nella natura soprannaturale della sua nascita. Tudava, per esempio, l'eroe culturale delle isole Trobriand, si diceva fosse nato da una madre rimasta incinta mentre dormiva in una grotta, quando la sua vagina fu penetrata dall'acqua che gocciolava da una stalattite. La madre di Manabozho, l'eroe culturale dei Menomini del Nord America, fu fecondata dal vento. La madre dell'eroe culturale dei Dinka (Africa orientale) giunse sulla terra già incinta. Presso varie popolazioni africane, l'eroe culturale nacque dal ginocchio o dalla coscia di un uomo o di una donna. A prescindere dalle modalità della sua nascita, comunque, l'origine dell'eroe culturale è del tutto estranea a questo mondo.

Scomparsa e trasformazione.

Dopo aver stabilito nel mondo un ordine adatto all'umanità, l'eroe culturale di solito scompare. Talvolta viene ucciso mentre combatte contro i mostri; spesso ritorna nel luogo (cielo o terra) da cui era venuto. Spesso l'eroe culturale viene trasformato nella luna, in uno degli astri o in una costellazione. In altri casi, soprattutto fra le tribù australiane, egli viene inghiottito dalla terra in un luogo ben preciso, che viene segnalato da una pietra, da una pianta o da una massa d'acqua. Questo luogo, imbevuto com'è di potere, diventa per la tribù la sede delle iniziazioni e di altre cerimonie.

Mircea Eliade, Dizionario del Mito, vocabolo "Eroe Culturale" scritto da Jerome H. Long, ed. Jaca book, 2019, pag. 182.

Tutto l'immaginario di Gesù nato per volontà divina viene riprodotto in tutte le culture in modo che in tutte le culture colonizzate ci siano idee simili alle quali agganciare l'immagine di Gesù e farla diventare appetibile ad ogni popolazione.

La stessa immagine di Gesù è stata costruita su immagini precedenti, come l'idea che piaceva ad Alessandro Magno di essere figlio del Dio Ammon o la nascita verginale di Scipione l'Africano o, ancora, alcuni figli di Dèi propri dell'ambiente in cui è stato inventato il cristianesimo.

Solo che, a differenza di idee religiose diverse da quella di Gesù, Gesù è il potere assoluto che domina gli uomini e dice agli uomini che cosa fare altrimenti lui li uccide e li getta là dove c'è "pianto e stridor di denti". Gesù è il torturatore nel quale si incarna il potere assoluto dello Stato coloniale. Lo Stato coloniale può far accettare il proprio dominio solo se le popolazioni accettano il dominio ideologico di Gesù.

Le popolazioni colonizzate non sempre hanno una scrittura e non mettono per iscritto le loro idee religiose. Hanno spesso tradizioni orali e i missionari cristiani si preoccupano di troncare la trasmissione orale e di inserire nelle storie le loro storie che, essendo scritte e registrate, permangono al susseguirsi delle generazioni.

Dopo secoli di questo stupro ideologico arrivano gli "antropologi" a studiare le credenze illudendosi di registrare le idee religiose di quei popoli e, invece, registrano gli effetti della manipolazione ideologica operata dai missionari cristiani con qualche adattamento che la singola comunità ha introdotto. Questi antropologi, anziché denunciare la violenza criminale dei missionari cristiani ne esaltano e ne amplificano gli effetti del loro terrore facendolo passare come "idee religiose di popolazioni primitive".

Nello stesso articolo del Dizionario del Mito viene citato l'etnologo tedesco Adolf E. Jensen che parla di alcuni racconti raccolti nell'isola Ceram in Indonesia.

Adolf E. Jensen nato nel 1899 e morto nel 1965. L'Indonesia fu colonizzata dagli olandesi nel 1600 e prima degli olandesi erano già arrivati i missionari cristiani. Quando Adolf E. Jensen raccoglie i racconti, sono passati trecentocinquant'anni di colonizzazione religiosa cristiana. Adolf E. Jensen parla degli effetti della colonizzazione religiosa cristiana su quelle popolazioni, non racconta le idee religiose di quelle popolazioni. Racconta di come quelle popolazioni si sono adattate alla colonizzazione religiosa cristiana, magari reagendo alla violenza cristiana attraverso l'introduzione di elementi islamici.

Se non si è consapevoli di cosa sta facendo il cristianesimo nelle coscienze e nella vita delle persone, non si è in grado nemmeno di costruire una coscienza religiosa che possa guardare al futuro senza essere costretti a mettersi in ginocchio davanti ad un crocifisso.

 

18 settembre 2022

Uomini e sudditi

C'è qualche cosa di malato nelle file fatte per ore e ore di attesa da parte degli inglesi per rendere omaggio a Dio che, chiuso in una bara, fa da premessa al nuovo Dio che condurrà il loro animo di gregge a gettare bombe sulle insidie del mondo.

Non credo che in quella bara ci sia solo un cadavere. Sono convinto che con quella bara venga seppellita la storia della dominazione inglese sul mondo. Ma forse è solo una mia aspettativa.

 

18 settembre 2022

Vi servono previsioni per conoscere il futuro? Anch'io cartomante, ma solo a scopa con l'asso e senza napoletana.

 

18 settembre 2022

La schiavitù nel cristianesimo per ordine di Dio e Gesù.

I cristiani hanno capito perfettamente il discorso di Platone e lo riscrivono nelle Lettere degli Apostoli:

"Schiavi, obbedite in ogni cosa ai vostri padroni secondo la carne, non solo quando vi vedono, come per piacere agli uomini, ma con sincerità di cuore, per timore del signore. tutto quello che fate, fatelo di cuore, come per il signore e non per gli uomini, sapendo che riceverete in ricompensa l'eredità dalle mani stesse di Dio. E' a cristo signore che voi servite. Chiunque, invece, commette ingiustizia, commetterà secondo l'ingiustizia commessa: non vi sarà accettazione di persone."

Paolo di Tarso, lettera ai Colossesi 3, 22-25

"Servi siate sottomessi con ogni rispetto ai vostri padroni, non solo a quelli che sono buoni o ragionevoli, ma anche a quelli di carattere intrattabile. poiché piace a Dio che si sopportino afflizioni per riguardo verso di lui, quando si soffre ingiustamente. infatti che gloria vi è nel sopportare di essere battuti, quando si ha mancato? Ma se voi, pur avendo agito rettamente, sopportate sofferenze, questo è gradito davanti a Dio. Anzi è appunto a questo che voi siete stati chiamati, perché Cristo pure ha sofferto per voi [e chi glielo ha chiesto? pago i servizi che richiedo, non quelli imposti con la violenza! Nota del redattore], lasciandovi un esempio affinché ne seguiate le orme."

I Pietro 2, 18-21

"Schiavi obbedite ai vostri padroni di quaggiù con rispetto e timore, nella semplicità del vostro cuore, come cristo, non soltanto quando siete sotto i loro occhi, come se doveste solo piacere a uomini, ma come servi di cristo, che fanno di buon cuore la volontà di Dio."

Paolo di Tarso, Lettera agli Efesini 6, 5-6

"Gli schiavi siano sottomessi ai loro padroni in tutto: cerchino di piacere a loro, non li contraddicano, non li frodino, ma si diportino sempre con perfetta fedeltà, per far onore in tutto alla dottrina di Dio, nostro salvatore."

Paolo di Tarso, Lettera a Tito 2, 9

"Con gli schiavi – Tutti coloro che sono sotto il giogo della schiavitù stimino i loro padroni degni di rispetto, affinché non si dica male del nome di Dio né della sua dottrina. Quelli, invece, che hanno padroni cristiani, non pensino di poterli disprezzare col pretesto che sono fratelli, anzi, li servano con ancor maggior impegno, proprio perché sono credenti e cari a Dio. Ecco le cose che devi insegnare e raccomandare."

Paolo di Tarso, lettera a Timoteo 6, 1-2

Un conto è il cristianesimo come viene propagandato e un conto è il cristianesimo reale che si impone all'infanzia e alla società civile.

 

18 settembre 2022

Commercianti falliti e sopravvivenza

Sono molti anni che io dico alle persone che devono comprimere i consumi. Si comprimono i consumi, o si cercano negozi a minor prezzo, quando le cose vanno bene. Questo permette di avere qualche soldo, ma se si comprimono i consumi quando c'è crisi inflattiva, i consumi sono compressi per necessità, perché non si hanno soldi. Questo non porta benefici, porta sopravvivenza.

Io, per esempio, ho compresso i miei consumi fin da marzo quando mi sono messo in dieta. Niente formaggio, niente birre, niente vino, poca pasta e grandi minestroni di verdure come lenticchie e orzo o zucchine e patate. Ogni tanto mi permetto qualche cosa. Ho compresso i consumi, non che prima largheggiavo, e ho perso 25 chili di peso recuperando un guardaroba di 25-30 anni fa (forse anche più.

In fondo, le persone benestanti non hanno bisogno di molte cose per vivere se vogliono vivere e non apparire. Sono le persone povere che hanno necessità impellenti perché le persone povere mancano di tutto. Loro non hanno proprio niente da comprimere e quasi sempre , quello che consumano lo pagano tre volte più delle persone benestanti.

 

 

19 settembre 2022

La filosofia metafisica e la Stregoneria

Se noi pensiamo alla vita come ad un cammino fra le varie condizioni che incontriamo vivendo, siamo consapevoli che quel cammino va inevitabilmente dalla nascita alla morte. Queste sono le due condizioni che non possiamo modificare. Poi, su quel cammino abbiamo le condizioni del mondo (montagne, foreste, laghi, torrenti, tempeste, terremoti, ecc,) che possono essere condizioni sociali, guerre, litigi, lavoro, furto, corruzione, ecc. e che dobbiamo affrontare o subire. Dal come affrontiamo o da come subiamo, modifichiamo noi stessi. L'arte della Stregoneria è l'arte per affrontare la nostra esistenza. UN'arte che di permette di preparare noi stessi ad affrontare le condizioni del mondo modificando noi stessi prima che le condizioni del mondo ci costringano a modificarci per forza. Quest'arte, che si chaiama "arte della Stregoneria" può essere chiamata ache "filosofia metafisica" se non fosse che alla "filosofia metafisica" classica manca sia il concetto di tempo, di trasformazione soggettiva, di divenuto e di divenire del soggetto nel mondo in un continuo processo di adattamento soggettivo. L'arte della Stregoneria è l'opposto del cristianesimo che è l'arte della "distruzione dell'uomo" in funzione della gloria di Dio. L'uomo cristiano è passivo e umile davanti a Dio e deve subire la volontà di Dio che può, indifferentemente, provvedere a lui o punirlo a seconda del suo desiderio. Proprio perché il cristiano può punire o promuovere i suoi sottoposti, l'uomo cristiano è violento e criminale perché dagli uomini deve ottenre obbedienza e sottomissione. Per chi pratica Stregoneria, questa violenza del cristiano, è una variabile oggettiva criminale che deve essere considerata sia per impedirgli di danneggiarlo, sia per impedire, per quanto possibile, di danneggiare la società in cui l'uomo vive. La vita va dalla nascita alla morte del corpo fisico, ma dal come noi la viviamo otteniamo ciò che siamo e ciò che siamo è ciò che siamo diventati ponendo le basi per ciò che diventeremo. Fintanto che l'idea sociale prevalente sarà quella dell'uomo che pensa sé stesso creato ad immagine e somiglianza di Dio, noi siamo destinati a vivere in situazioni di conflitto continuo dove qualcuno deve sottomettere altri uomini e altri uomini sottometteranno a loro volta o si sottrarranno alla sottomissione in continui stati di violenza sia nazionali che individuali. Se non si combatte direttamente il Dio dei cristiani e il loro Gesù, violento e criminale, non si riuscirà a strappare il dente velenoso della violenza nella società civile per costruire una società diversa.

 

19 settembre 2022

Il coraggio

Cosa si ammira in una società?

Si ammira il coraggio delle persone.

Io sono una persona coraggiosa. Pensate al mio coraggio. Una zanzara ha tentato di pungermi e io l'ho schiacciata con coraggio e sprezzo del pericolo.

E' giusto che il mio coraggio sia celebrato sui media e in televisione e tutti possano ammirare il mio coraggio con cui ho schiacciato quella vile zanzara che ha tentato di pungermi!

 

19 settembre 2022

Ca' Luisa a Marghera e la solidarietà

Era da un po' che cercavo una struttura a cui dare qualche decina di euro per aiutare chi è in difficoltà in questi anni di crisi.

Sembra che le parrocchie cattoliche abbiano una sorta di controllo "mafioso" del territorio.

Fu mia figlia che mi ha segnalato Ca' Luisa ed in effetti, aiutano chi ha bisogno senza chiedere contropartite di natura religiosa come fanno le parrocchie cattoliche. Io posso dar loro solo qualche decina di Euro e questo mi fa star bene.

 

19 settembre 2022

In una notte d'inverno, fuggendo la grandine a scroscio,
la tormenta di neve, il freddo gelido,
giunse un leone solingo, malconce le membra, a uno stazzo
di caprari sul ciglio delle rocce.
Non delle capre, bensi di se stessi solleciti, quelli
sedevano invocando il Dio che salva.
Resse, la notte, alla furia del tempo la belva, fuggendo
senza alcun danno di persone e greggi.
Quei montanari, dipinto l'evento, consacrano il quadro,
qui presso la robusta quercia, a Zeus.

Antologia Palatina, ed. Einaudi, 1978, vol. 1, pag. 399

 

 

20 settembre 2022

Il rifiuto del lavoro

Stavo riflettendo:

Nella seconda metà degli anni '70 qualcuno teorizzò il "rifiuto del lavoro" che non era il rifiuto a lavorare, ma era il rifiuto a subire passivamente le imposizioni del lavoro in ambienti nei quali gli individui erano sottratti ai diritti Costituzionali e vigeva una sorta di diritto del "datore di lavoro" di sottrarre al dipendente i diritti Costituzionali. Primo fra tutti il diritto alla salute, il diritto alla sicurezza, ecc.

Coloro che hanno elaborato quella teorizzazione sono quasi tutti scomparsi o sono andati verso altri lidi ideologici. Tuttavia, l'idea che il lavoro fosse una sorta di prigionia che reca sofferenza è rimasta. Da un lato le persone che hanno potuto sottrarsi lo hanno fatto e lo stanno facendo, ma dall'altro lato il precariato è il suo lato peggiore che crea sofferenza sociale. Non potendo migliorare le condizioni di lavoro una parte della popolazione è fuggita e chi è rimasto vive condizioni di ricatto continuo.

 

20 settembre 2022

XX Settembre

"Chi sparerà il primo colpo di cannone contro Roma sarà scomunicato!" Questo disse il papa cattolico ai soldati che tentavano di entrare in Roma il 20 settembre del 1870. Così, per ovviare a questo, il comandante delle forze piemontesi fece sparare il primo colpo ad un artigliere di religione ebrea a cui, della scomunica, non fregava nulla,

Una volta il XX settembre era una festa nazionale. Poi, i monarchici infingardi e superstiziosi della casa Savoia si inginocchiarono davanti al mago Don Bosco, vollero fingere di non vedere che stuprava bambini, perché furono intimiditi da un inverno in cui un'influenza, particolarmente aggressiva, portò via alcuni di loro. Così mossero guerra al laicismo e all'ateismo e in cambio il Vaticano li promosse a "re per volontà di Dio col privilegio di fare miracoli". E in effetti i miracoli li fecero portando l'Italia in due guerre mondiali e facendo macellare milioni di uomini (sia italiani, sia altri).

 

20 settembre 2022

E così il Tribunale di Venezia ha deciso di accelerare il procedimento penale contro il "cacciatore" che mi ha aggredito sull'Altare Pagano nel 2016 (al rito dell'Equinozio d'Autunno). Speriamo che ora la situazione proceda più celermente. La situazione si sta facendo assurda, kafkiana, dall'altro lato è un percorso che deve essere praticato.

 

20 settembre 2022

Domani siamo a Jesolo presso il Bosco Sacro a preparare l'Altare per il rito dell'Equinozio d'Autunno. Oggi devo preparare tutto il materiale per domani.

 

20 settembre 2022

Da domani iniziamo a preparare la casta per il fuoco sacro del rito dell'Equinozio d'Autunno. Questo fu il fuoco dello scorso anno. Tutta la legna per il fuoco sacro è legna del Bosco Sacro.

 

20 settembre 2022

Un momento della divisione del Fuoco Sacro per creare le due colonne per chi vuole passare attraverso. Questa è la divisione del fuoco fatta nel settembre del 2021

 

20 settembre 2022

Il Fuoco sacro diviso attraverso il quale passano le persone (che vogliono passare). Costituisce una sorta di iniziazione alla vita dove si attraversa passando da un passato vissuto ad un vivere che porta al futuro. Una porta che, in questo rito, porta dal mondo della ragione al mondo del silenzio.

 

20 settembre 2022

Il passaggio nel Fuoco Sacro avviene ogni volta che i partecipanti desiderano farlo. Qualcuno passa quando il fuoco è alto, ma la maggior parte dei partecipanti attende che le colonne del fuoco si abbassino. Il potere della persona non viene alimentato dall'altezza delle fiamme, ma dall'intento con cui attraversa il Fuoco Sacro anche se il Fuoco Sacro dovesse essere vicino allo spegnimento.

 

20 settembre 2022

Un momento del rito dell'Equinozio d'Autunno del 2021, la Chiamata dei Quattro Canti del Mondo. E' l'atto iniziale con cui si apre il rito dell'Equinozio d'Autunno ed è un momento comune a tutti i riti della Federazione Pagana (con l'eccezione della Devotio) che si svolgono presso il Bosco Sacro. Questa fase precede sia la lettura degli Inni (che però non ci sono, nell'Equinozio d'Autunno anche se stiamo pensando di introdurne alcuni) e l'accensione del Fuoco Sacro.

 

 

21 settembre 2022

Fra circa un'ora parto per Jesolo e iniziamo a preparare l'Altare per il rito.

 

21 settembre 2022

Bosco Sacro e Altare come sono ora prima della preparazione per la celebrazione del rito dell'Equinozio d'Autunno.

 

21 settembre 2022

Inizia a formarsi la catasta per il Fuoco Sacro.

 

21 settembre 2022

La catasta cresce e si potenzia per alimentare il Fuoco Sacro.

 

21 settembre 2022

Significato del rito che celebra l'Equinozio d'Autunno

0:43 / 8:32

Federazione Pagana era in diretta.

[elaborata la diretta e filmato caricato su YouTube]

Il significato della celebrazione dell'Equinozio d'Autunno nella Religione Pagana. Il rito si svolge presso il Bosco Sacro in Jesolo nel sabato più vicino all'equinozio d'autunno.

 

 

22 settembre 2022

Cercasi personale

Leggo cartelli con su scritto: "Cerchiamo personale", ma non è scritto né in che categoria professionale è inserito, né la paga base, né gli extra e nemmeno le condizioni e i tempi di lavoro.

Io ricordo che quando andavo a cercare lavoro la prima cosa che chiedevo è quanti soldi mi date? In che giorno me li date? Che orario di lavoro c'è?

Quando cercavo lavoro con le agenzie interinali mi proposero un lavoro di consegne e montaggio mobili senza un orario di lavoro definito. Ho detto all'Agenzia che quelli erano pazzi e mi hanno proposto un lavoro di turnista in fabbrica, categoria metalmeccanico quinto livello, tre turni compreso il notturno e ho accettato subito. Il lavoro era pesante, ma lo stipendio certo e l'orario di lavoro definito (timbravo il cartellino).

Morale: se cercate personale, dite subito quanto intendete pagarlo e non "vedremo cosa sai fare", oppure "vediamo se hai buona volontà o passione di lavorare!". "Ma vai a cagare, io vengo a lavorare per i soldi, il resto, sai dove te lo puoi ficcare?" Col lavoro precario che ti lasciano a casa in ogni momento, vogliono anche la "voglia di lavorare!": Ridicoli!

 

22 settembre 2022

Fra un'ora riparto per Jesolo e finiamo di sistemare l'Altare per il rito dell'Equinozio d'Autunno. A parte forse qualche foto, se oggi faccio un piccolo filmatino dall'Altare Pagano cercherò di farlo con il sole alle spalle. Fare discorsi col sole negli occhi, psicologicamente fa star bene chi fa il discorso, ma trasmette una pessima immagina.

Se farò il filmato, lo farò nel pomeriggio, dopo pranzo, e lo trasmetto sulla pagina di Federazione Pagana. Poi, questa sera lo condivido anche su altre pagine e sul mio profilo personale.

 

22 settembre 2022

L'Altare è quasi pronto per celebrare il rito dell'Equinozio d'Autunno,

 

22 settembre 2022

Le Laminette Orfiche nella celebrazione dell'Equinozio d'Autunno

Come e perché usare le Laminette Orfiche nel rito dell'Equinozio d'Autunno. Stiamo pensando di introdurle nel rito del silenzio.

0:16 / 14:43

Federazione Pagana era in diretta.

[elaborata la diretta e filmato caricato su YouTube]

Durante la celebrazione dell'Equinozio d'Autunno si sta riflettendo se introdurre nel rito le Laminette Orfiche come idea del mondo altro rispetto al mondo della ragione. Un esempio di quei mondi del silenzio che circondano il mondo della ragione e che, sia pur privi della parola, sono mondi in cui si muovono le emozioni e dai quali scaturiscono le azioni come manifestazione della volontà soggettiva.
La Federazione Pagana che celebra il rito dell'Equinozio d'Autunno presso il Bosco Sacro in Jesolo sta progettando una modificazione del rito in cui la lettura delle Laminette Orfiche si affiancherebbe alla contemplazione.

 

22 settembre 2022

Purificazione dell'Altare Pagano prima del rito del rito dell'Equinozio di Primavera.

0:19 / 1:56

Federazione Pagana era in diretta.

 

 

23 settembre 2022

Nessuno può essere d'accordo con me

Molte persone ci tengono a farmi sapere che sì, molte cose che dico a loro piacciono, ma non tutte, spesso sono in disaccordo.

Vorrei ben vedere.

Non ho mai voluto fare una cosa banale del tipo "tutti possono condividere quello che dico". Se avessi fatto una cosa del genere, avrei suscitato molto sospetto sulle mie intenzioni.

Io ritengo di aver fatto qualche cosa che va fuori dall'ordinario e che, pertanto, non raccoglie consensi facili, raccoglie piuttosto conflitto ed opposizione perché il banale, davanti al nuovo, comunque deve riaffermare sé stesso. Il banale è inteso come un "già acquisito mediante 'educazione dalla maggior parte delle persone"; il nuovo è inteso come una variante sul già acquisito dalle persone. Ora, non necessariamente il nuovo è migliore del banale, ma sicuramente è diverso e il banale reagisce con maggior veemenza quanto più il nuovo si discosta dal banale. Se il nuovo si discosta eccessivamente dal banale, il banale, per riaffermare la sua egemonia, muove guerra al nuovo. La guerra del banale contro il nuovo ha lo scopo di ricondurre il nuovo nei limiti imposti dal banale,

 

23 settembre 2022

60 morti e indifferenza

Ora in Italia non si parla quasi più di pandemia. I 60 morti di giovedì 22 settembre sono passati sotto silenzio mentre le grida di chi aspira ad una poltrona politica sta soffocando ogni problema sociale. La pandemia ora è meno letale che le ondate precedenti, ma i contagi non sono contenuti, sono sempre moltissimi. Alcuni segnali sembrano dare un aumento dei contagi. Quando i problemi vengono ignorati, i problemi si aggravano, non scompaiono.

 

23 settembre 2022

Ho caricato i video che ho condiviso in diretta su Facebook su YouTube. Li ho un po' elaborati nella presentazione.

 

23 settembre 2022

Domani sono al rito dell'Equinozio d'Autunno e lunedì sono in tribunale per il processo a chi mi ha aggredito. Sono passati ben 6 anni dal fatto e sono indignato per quanto è successo in questi anni.

 

23 settembre 2022

Oggi è l'ultimo giorno di campagna elettorale concorso di "lavoro" dove i concorrenti strizzano l'occhio a cittadini esasperati.

 

23 settembre 2022

gistnobs. com. ng /uk -la -prima -ministra -truss

I poveri hanno votato affinché i ricchi li governino e i ricchi hanno come soluzione pagare meno tasse e togliere servizi alla comunità inglese. E' un principio estraneo all'Unione Europea che, con tutti i suoi difetti, almeno ritiene che le persone siano dei cittadini.

Non vi preoccupate, da lunedì anche in Italia tenteranno di fare così.

Uk, la prima ministra Truss taglia le tasse ai super ricchi: stop alla maxi aliquota per chi guadagna più di 150 mila sterline | 320Kbps Mp3 Download

GISTNOBS. COM. NG

Uk, la prima ministra Truss taglia le tasse ai super ricchi: stop alla maxi aliquota per chi guadagna più di 150 mila sterline | 320Kbps Mp3 Download

LONDRA - L’aveva promesso. Sapeva che “sarebbe stata una misura impopolare”. Eppure, per la prima ministra e seguace thatcheriana Liz Truss, tagliare le

 

23 settembre 2022

Indifferenza e strage da covid-19

Oggi altri 21.000 nuovi contagiati in Italia e altri 49 morti. Io non sono convinto che la pandemia sia finita e, rispetto allo scorso anno credo che l'ondata stia arrivando con almeno 15 giorni di anticipo. Tanto, da lunedì Speranza finisce il suo ruolo di ministro della salute, salvo facente funzioni fino all'insediamento del nuovo governo.

 

 

24 settembre 2022

Oggi celebrazione dell'Equinozio d'Autunno,

 

24 settembre 2022

La tempesta perfetta

Oggi, facendo la solita passeggiata (come fanno le persone anziane) mattutina, mi sono fermato al solito bar e ho chiacchierato un po' con un gruppo di virus covid-19. Li avevo visti un po' su di giri ed avevo l'impressione che fossero ubriachi. Così ho chiesto loro il motivo di tanta eccitazione e mi hanno detto: "Fra poco arrivano i sovranisti, niente vaccini, niente mascherine, niente distanziamento sociale. Possiamo finalmente fare festa senza limiti!". In effetti, avevo già notato dei piccoli movimenti, come un riposizionamento delle truppe del covid-19.

E' una sorta di "tempesta perfetta" l'aumento della pandemia, la crisi finanziaria e la crisi energetica con l'inverno alle porte che annuncia una crisi climatica assoluta. PROTEGGETEVI!

 

24 settembre 2022

Noi non possiamo modificare le condizioni del mondo, ma in quelle condizioni possiamo adattarci.

 

24 settembre 2022

Claudio Simeoni era in diretta.

0:17 / 1:25

 

24 settembre 2022

[foto di Manuela]

Sono tornato dal rito dell'Equinozio d'Autunno. ORA E' AUTUNNO!

 

 

25 settembre 2022

ANDATE A VOTARE!!!!

 

25 settembre 2022

Emergenza climatica

Tifone Nanmadol in Giappone, evacuazione per oltre 4 milioni .

Incredibile intensificazione del tifone Noru, allerta nelle Filippine

Canada: Fiona, mezzo milione di case senza corrente

Usa, Biden annulla viaggio in Florida per arrivo dell'uragano Ian

Effettivamente, dobbiamo dire, che, come dicono i sovranisti, non c'è emergenza climatica. In fondo, a rimetterci è solo la gente comune, dal Pakistan all'Africa, dal Sud America all'Europa.

Se ti interessi di modificazioni climatiche non ti portano voti perché si deve agire quando il problema non c'è e il momento drammatico non viene percepito se non quando una valanga d'acqua ti cade in testa o una frana di fango ti sommerge la casa.

Noi abbiamo vissuto l'estate più siccitosa degli ultimi 500 anni. Molti raccolti sono stati compromessi, ma sembra che non sia successo nulla. Si va normalmente a comperare il pane e quanto serve con il solo fastidio che qualche cosa sia aumentato.

Non ci accorgiamo di mulla fintanto che non spengono i lampioni per strada e, anche in quel momento, ci adattiamo.

 

25 settembre 2022

Cartomanti e miracoli

Sensitivo e cartomante indagato dalla procura

A Mesagne, vendeva amuleti e consulti psicologici

Ufficialmente commerciante, sui social media però "sensitivo e guaritore", in grado di ascoltare problemi in tema di amore e salute ed offrire - a pagamento - consigli e supporto psicologico, ma sopratutto amuleti dotati di "potenti proprietà curative". Esercizio abusivo di una professione, l'accusa contestata dalla Procura di Brindisi ad un trentasettenne mesagnese. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, l'indagato per lungo tempo avrebbe abusivamente svolto la professione di psicologo e psicoterapeuta, anche praticando la cartomanzia e affiancandola alle previsioni astrologiche ed alle premonizioni.

In fondo anche questa è la base ideologica della destra politico-sociale. Tutti sperano di conoscere il "disegno di Dio" e che cosa "Dio riserva loro" per il futuro. Ovviamente ci sono altri modi per usare i "tarocchi", ma la spinta psicologica è sempre quella. Le persone che rinunciano alla realtà in cui vivono per sognare una realtà altra portata da una qualche forza che modifiche le loro condizioni di vita e di sofferenza.

In questa situazione, queste persone, sono le vittime designate di truffatori, come dei preti cattolici che vendono loro i miracoli, mediante le benedizioni, del loro fantomatico Dio o del loro feroce criminale Gesù.

La miracolistica è alla base di una magia che distrugge l'uomo inchiodandolo nell'attesa dell'evento.

 

25 settembre 2022

Amarezza

Che impatto hanno 176000 morti di covid-19 sulle elezioni politiche in Italia? Come vengono percepiti? Come viene percepito il "come sarebbe stato se..."? Non sono domande da poco dal momento che l'informazione di massa, negli ultimi mesi ha relegato la questione covid-19 ai margini del puro numero. Eppure la questione covid-19 è ancora lontana dall'essere risolta in quanto forze politiche agiscono ancora per non affrontarla.

 

25 settembre 2022

Domani in tribunale per l'aggressione subita sull'Altare Pagano nel 2016 poco prima della celebrazione del rito dell'Equinozio d'Autunno.

 

 

26 settembre 2022

La vita, come cammino, è un sentiero con un infinito numero di ostacoli. Troppo spesso si incontrano uomini che si divertono a mettere ostacoli su sentieri che loro non percorrerebbero mai.

 

26 settembre 2022

27 ottobre 1922, marcia su Roma; 25 settembre 2022. Ora aspettiamo i figli per la patria e il "credere, obbedire e combattere". Buona giornata!

 

26 settembre 2022

Forma e contenuto

Problemi e rappresentazione dei problemi. Il problema, come unico, è un oggetto in sé al di là di come le singole persone lo percepiscono. Le rappresentazioni di quel problema sono molte a seconda di come quel problema viene presentato ad altri per indurre gli altri a comportarsi in un certo modo di fronte a quel problema.

 

26 settembre 2022

Procedimento penale

Sembra che il tribunale di Venezia stia accelerando il processo contro la persona che mi ha aggredito sull'Altare Pagano. Sono state messe agli atti le foto dell'aggressione, il certificato medico delle lesioni ricevute; e l'atto catastale con cui si certifica l'esistenza dell'edificio di culto della Religione Pagana ad opera della Federazione Pagana. Io ho raccontato i fatti illustrando l'accusa contro il mio aggressore

Nella prossima udienza parlerà il testimone dell'accusa (P. M.) e i testimoni di parte civile (miei testimoni). Inoltre sarà sentito il mio aggressore. Vale la pena di dire che il mio aggressore e il suo avvocato hanno pensato bene di non presentarsi all'udienza chiedendo, attraverso un sostituto un rinvio dell'udienza che il magistrato non ha concesso. Fra una settimana c'è la seconda udienza.

 

26 settembre 2022

Dittatura

Ci sono regimi in cui si sventola il crocifisso e vengono riconosciuti i "diritti di Dio" sulle persone e ci sono regimi in cui vengono negati i diritti di Dio di esercitare il potere assoluto sulle persone e si difendono i diritti delle persone. Che un regime sventoli il crocifisso, la mezza luna islamica o la stella a sei punte ebrea, legittima la violenza di Dio (per estensione all'autorità sociale) contro i cittadini. Certamente la scelta sta ai cittadini se essere sottomessi a Dio o se essere persone che gestiscono la loro vita.

 

26 settembre 2022

Ansia sociale

Tutto è sospeso. L'estate non vuol finire e l'autunno non vuole iniziare. Tutto è sospeso come una palla lanciata verso l'alto la sui corsa, fermata dalla gravità, non ha ancora deciso se deve o può scendere. Tutto è sospeso come uomini che non sanno che fare e uomini che stupiti ancora non si sono svegliati da quanto hanno fatto. Ma si sveglieranno e la palla,, ora sospesa, inizierà a scendere con la stessa velocità con cui la bufera imminente darà avvio al nuovo autunno dell'esistenza umana.

 

 

27 settembre 2022

Claudio Simeoni ha condiviso un ricordo.

Quando iniziai a parlare di filosofia in maniera più sistematica. L'ho pubblicato 9 anni fa e anche se sono impegnato nel recupero di quanto ho pubblicato nel tempo, non ho mai interrotto del tutto il lavoro.

9 anni fa

Claudio Simeoni

27 settembre 2013

Sono arrivate oggi, alle ore 13,40 le cinque copie de "La Teoria della Filosofia Aperta" Primo Volume.

Alla cena dell'Equinozio d'Autunno ho anticipato come intendo fare dal momento che il volume comporta alti costi (per le mie tasche) di stampa. in ogni caso, al prossimo Pagus porto le prime quattro copie con l'obbiettivo di ordinarne altre subito dopo.

 

27 settembre 2022

La Religione Pagana

Il problema della comprensione della Religione Pagana è una questione complessa. La Religione Pagana manifesta i principi religiosi in antitesi alle religioni dominanti. Non si affianca ad esse, ma si oppone ad esse e, opponendosi ad esse, esprime principi sociali diversi ed opposti a quelli espressi dalle religioni dominanti. Principi etico-sociali che appaiono incomprensibili non solo a chi pratica le religioni oggi dominanti, ma anche a chi si ribella alle religioni dominanti perché non è in grado di concepire una religione altra rispetto ai paradigmi che attribuisce alle religioni alle quali si ribella.

L'altro aspetto è quello della magia.

La Religione Pagana trasforma l'uomo e la sua percezione nell'ambiente in cui vive.

Questo aspetto è un aspetto della vita fatto proprio da una parte dell'esoterismo che si è preoccupato di usare le possibilità di trasformazione dell'uomo per ricondurre l'uomo entro modelli di sottomissione a Dio anche quando chiamava Dio con altri nomi, come l'Uno o come il Tutto o come il grande Architetto.

La Religione Pagana porta l'uomo a trasformarsi senza sottometterlo e nel far questo appare debole rispetto a chi, nell'affermare di trasformare l'uomo (che però non lo trasforma) lo riconduce all'interno di un gregge, di un gruppo chiuso, separato dalla società illudendo quell'uomo di essere un "eletto".

L'altro aspetto che risulta difficile, per chi non pratica la Religione Pagana, è quello della comprensione dell'idea che il mondo in cui viviamo è fatto da un numero infinito di intelligenze, di Dèi, che si trasformano continuamente e dei quali noi siamo parte e loro sono parte di noi permettendoci di individuare le dinamiche della vita.

Quando io parlo degli elementi della Stregoneria che trasforma l'uomo, ne parlo come cose che definisco. Inizio un discorso e lo finisco. Questo perché, una volta espresse le modalità della tecnica, sta all'individuo riempire quella tecnica di intento, volontà ed emozione. Questo non glielo può insegnare nessuno se non il suo desiderio con cui abita il mondo in cui vive.

La Religione Pagana è una religione che protegge i cammini degli individui, ma non possiede gli individui e nemmeno detta delle regole alle quali gli individui devono attenersi. I Pagani manifestano gli Dèi, non pregano gli Dèi. E' inutile che tu preghi Odino, la conoscenza te la devi prendere facendoti Odino. E' inutile che tu preghi Zeus. se tu non esprimi Zeus progettando nella tua vita, non sarai mai Zeus che fagocita Meti e progetta la propria esistenza. E così via. I paradigmi della Religione Pagana sono molti diversi da quelli delle religioni che dominano le società civili e questo, per le persone educate nelle religioni dominanti, è quasi impossibile da comprendere. Eppure, questa è la via del futuro.

 

27 settembre 2022

Questioni giudiziarie

Tutto il lavoro di questa settimana consiste nel concentrarsi sull'udienza del tribunale di lunedì. Non c'è molto tempo perché lunedì si ascolta il mio aggressore e intendo preparare l'avvocato per fargli tutte le domande del caso.

Ritengo importante questo procedimento penale per tutto il Paganesimo e per tutte quelle persone che fanno religione diversa dalla religione dominante.

Sarà una mia idea, ma far capire che la libertà religiosa, che non è la libertà di sottomettersi ad una religione, ma la libertà di costruire la propria religione senza essere criminalizzati, è una libertà fondamentale del nostro ordinamento Costituzionale. Per questo motivo vorrei essere più preciso possibile.

In Tribunale, ciò che viene detto viene registrato e le registrazioni sono pubbliche. Ogni dichiarazione che non viene contestata o contraddetta mediante prove, assume il valore di "verità oggettiva" che se può essere ignorata dalla "massa delle persone" non può essere ignorata dalle Istituzioni.

Ad un comportamento corretto e coerente deve seguire un comportamento attento e puntuale. E questo richiede tempo e impegno.

 

27 settembre 2022

Come pensare la religione

Dobbiamo smettere di pensare alla religione come a qualcosa che sottomette l'uomo a qualche cosa di superiore. Dobbiamo pensare alla religione come a quel complesso di principi che determinano l'organizzazione sociale e le condizioni di vita dell'uomo. La modifica delle condizioni di vita dell'uomo non si fanno all'interno di un sistema religioso che domina l'uomo, ma costruendo una diversa religione in cui l'uomo definisce i principi che determinano condizioni diverse di vita.

 

27 settembre 2022

Oggi in Veneto altri 6395 nuovi contagi da covid-19 e altri 12 morti. Grazie ai sovranisti che hanno fatto di tutto per far togliere ogni restrizione, la pandemia ha ripreso, almeno in Italia, anche se nel mondo appare come in rallentamento.

 

 

28 settembre 2022

Dopo?

Dopo è troppo tardi!

 

28 settembre 2022

Le Streghe sono di moda

Se c'è una festa delle Streghe si accorre in massa per festeggiare e divertirsi, se una Strega combatte una battaglia per tutte le persone che amano la stregoneria, non solo non riceve solidarietà, ma viene derisa perché è la "fessa" che si sta "sacrificando". E poi si organizzano feste sul sacrificio di singoli che i molti hanno abbandonato.

 

28 settembre 2022

Oggi, P.G.E.F, in Italia ci sono stati 44878 nuovi casi di coronavirus e altri 64 morti.

 

28 settembre 2022

Il tempo che ci viene incontro

A volte è inutile organizzarsi per come è la realtà. E' necessario organizzarsi per come la realtà sarà perché in questo modo ti attrezzi per i problemi che si presenteranno prima che i problemi si presentano.

Per farlo, però, è necessario usare il Crogiolo dello Stregone perché le persone, in questi sistemi sociali, vengono educati a fissare la loro attenzione sulla realtà che stanno vivendo (e a fantasticare in essa) pensando la realtà presente eterna e sempre uguale.

 

28 settembre 2022

Risultati elettorali

Non mi piacciono coloro che hanno vinto le elezioni in Italia, ma queste sono le regole che regolano la vita italiana. Cosa faranno o non faranno, io non lo so. Dalle dichiarazioni fatte, da simpatizzanti filo-russi sono diventati convinti atlantisti. Da feroci antieuropeisti sono diventati ossequiosi nei confronti dell'Europa.

Le parole hanno un loro peso, ma il fascismo sta nelle azioni, nelle decisioni, nei provvedimenti, e ci vuole ancora un po' perché chi ha vinto le elezioni acceda a ruoli di potere e metta in atto azioni, decisioni o provvedimenti sui quali dare un giudizio ideologico.

Certo è che se dovesse realizzarsi ciò che alcuni immaginano rispetto alla loro collocazione formale, le loro decisioni sarebbero come una motosega che abbatte l'architettura Istituzionale.

 

28 settembre 2022

Oggi, tutto il giorno a studiare atti giudiziari, mi sto preparando per lunedì.

 

 

29 settembre 2022

Cosa esser tu

Non sei un asceta che appollaiato su un ramo guarda con scherno la società in cui vive.

Non sei Dio che minaccia gli uomini con la sua bomba atomica.

Non sei Rockefeller con una piscina di monete d'oro nella quale si tuffa e nuota.

Non sei il grande architetto che muove le sue armate nell'ombra e tira i fili di marionette obbedienti.

Non sei che un delirio che nasce nella notte e si spegne al mattino quando il trillo della sveglia di dice: "E' ora!".

Tu sei colui che indossa scarpe e vestiti, belli o brutti che siano, e attraversi il giorno aspettando la notte per un nuovo delirio nel quale muovi armate nell'ombra mentre nuoti nell'oro; distruggi una società abitata dai tuoi nemici e come un asceta ti ritiri appollaiato su un ramo finché la sveglia non ti chiama ad affrontare un nuovo giorno.

 

29 settembre 2022

ha condiviso un ricordo.

E' di 6 anni fa.

Forse il procedimento penale sta accelerando e spero di arrivare ad una conclusione in tempi abbastanza brevi.

6 anni fa

Questo è l'articolo de La Nuova Venezia.

Ringrazio il sindaco di Jesolo per la sua solidarietà non solo come persona, ma a nome di tutta la Federazione Pagana.

 

29 settembre 2022

La religione dei Germani

Quando noi andiamo a cercare una religione o una tradizione religiosa su un dizionario, o anche su un libro che parla di antiche tradizioni, non leggiamo MAI di quella religione o di quella rappresentazione, ma leggiamo sempre l'idea che ne ha chi scrive, spesso un cristiano, di quella tradizione o di quella religione.

In sostanza, abbiamo due livelli diversi. Uno che riguarda i "reperti archeologici" e l'altro le interpretazioni date da un soggetto, spesso cristiano, dei reperti archeologici. Anche molte fonti storiche, quando non sono state scritte dai diretti interessati, sono interpretazioni scritte da un soggetto estraneo a quella religione o a quella tradizione.

Ne consegue che nei discorsi sulle "antiche religioni" queste non vengono descritte per ciò che erano, ma per ciò che chi le descrive vuole che siano state.

Un esempio è relativo alla comprensione della "religione dei Germani". La religione dei Germani" è stata un'esigenza del romanticismo tedesco che ha voluto cercare una fonte ideologica diversa dal cristianesimo e capace di costruire un'ideologia peculiare e caratteristica dei tedeschi. Un'"antica fonte" dalla quale trarre qualche cosa di diverso dall'ideologia cristiana. Chi faceva quest'operazione ideologica era un cristiano e nella sua ricerca altro non faceva che cercare i modelli ideologici cristiani da adattare ad una diversa forma che chiamava "tradizione dei Germani".

Scrive Klaus Sagaster nella voce "Germani, religione dei" nel "dizionario delle religioni dell'Eurasia" diretto da Mircea Eliade:

GERMANI, RELIGIONE DEI

Lo studio sistematico della religione dei Germani ebbe inizio con la pubblicazione nel 1835 di Deutsche Mythologie (Mitologia teutonica) di Jakob Grimm. Nata dall'interesse del romanticismo per il passato germanico, l'opera di Grimm presentava una ricca raccolta di materiali e di dati bene organizzati, ma le etimologie e le interpretazioni ivi proposte sono oggi in larga misura respinte. Lo studioso era inoltre convinto che il materiale scandinavo rappresentasse il lascito comune di tutte le genti germaniche, mentre grazie agli studi posteriori, condotti da filologi quali Karl Mullenhoff, ci si è resi conto che le fonti scandinave erano a sé stanti.

Durante il XIX secolo si è assistito a varie tendenze nella interpretazione mitologica. Si presumeva che tutto si potesse leggere in una chiave attinente ai fenomeni naturali: Max Muller metteva tutti i miti in rapporto al ciclo del sole, Adalbert Kuhn cercava interpretazioni meteorologiche nel tuono o nella tempesta. Wilhelm Mannhardt enfatizzava eccessivamente i riti agricoli, mentre l'animismo originario, con i suoi spiriti e demoni, venne presupposto sotto l'influenza della scuola britannica (da E.B. Tylor, per esempio), e i miti vennero interpretati come «sogni» (secondo i suggerimenti di Andrew Lang).

Le cose cambiarono verso la fine del secolo con l'aumentare dell'interesse nei confronti delle tradizioni popolari. Numerosi studiosi dedicarono monografie a importanti rappresentazioni della divinità, quali il dio cielo (Rudolph Much), o approfondirono le ricerche sulla religione e le concezioni etiche e spirituali (Vilhelm Grònbech). Altri studi vennero dedicati al sistema di valori germanico, al fato, alla idea del «sacro» (Walter Baetke), ed altri ancora, sulle orme di Sophus Bugge, rilevavano gli adattamenti dei modelli cristiani.

Tratto da: Mircea Eliade, Dizionario delle religioni dell'Eurasia, ed. Jaka Book, 2020, pag. 124

C'è una vera e propria storia nella ricerca della definizione della religione dei Germani, Una storia che oscilla fra archeologia e folklore, ma che tralascia i principi religiosi dei Germani proiettando sui Germani principi religiosi propri del cristianesimo, come il concetto di sacro o il concetto di destino.

Alla fine del discorso, il modello religioso dei Germani che viene proposto altro non è che "adattamento ai modelli cristiani".

La domanda è: qual era la filosofia metafisica dei Germani? Se i Germani avevano un sistema religioso, dovevano avere anche una filosofia metafisica diversa dal cristianesimo. Quando il cristianesimo ha imposto la sua filosofia metafisica ai Germani?

Non si deve permettere ad un archeologo o ad uno storico di dire in che cosa gli antichi credevano o quale valore di significato, qualora scrivessero, dare alle loro parole. Questo lo può fare solo una persona religiosa che elabori una filosofia metafisica che intervenga nel presente in funzione del futuro e che non pretenda di dire che cosa gli altri pensavano dopo che una religione, come quella cristiana, li ha ammazzati e attribuito loro i modelli religiosi propri della religione cristiana.

Su questo bisogna riflettere perché negli ultimi 30 anni si è presa l'abitudine di "imitare gli antichi" per ridare vitalità ai modelli religiosi di morte e di violenza propri del cristianesimo.

 

29 settembre 2022

Catastrofismo come idea

Se volessi fare del catastrofismo mi sarebbe facile.

Oggi è il TGEF e conta 37522 nuovi contagi da covid-19 e altri 30 morti con un aumento dei ricoveri ospedalieri. Inoltre, in questo momento, la borsa dei titoli italiana sta perdendo il 3% mentre sta aumentando lo Spred.

Si chiamano tempeste, ma quando più tempeste arrivano a far danno nella società danno luogo a "tempeste perfette".

 

29 settembre 2022

Manuela ha pubblicato il suo primo romanzo fantasy. Una storia fra vampiri e lupi mannari in un mondo immaginario fra Trento e Verona.

Restano solo i corvi

 

29 settembre 2022

Scelte

Fra una persona che condivide le vostre istanze e condivide le vostre necessità e una persona che usa le vostre istanze e le vostre necessità per il suo tornaconto personale; voi sceglierete sempre la seconda. Qualche volta, vi schiererete con la seconda per aggredire la prima. Questo perché la compartecipazione non la capite mentre vi è famigliare il tornaconto personale.

Poi, arrivano i rimpianti perché ogni scelta ha le sue conseguenze.

 

 

30 settembre 2022

Previsione profetica

OK. Il covid-19 sembra non interessare più. A quanto ne so, il virus sta festeggiando e brindando.

Ora le persone si concentrano cui costi dell'elettricità e del gas cercando aiuti e sovvenzioni mentre aiuti e sovvenzioni saranno richieste anche per i disastri naturali che da ottobre a metà novembre sono abbastanza frequenti in Italia dopo una stagione così siccitosa.

Il pericolo per la vita delle persone sta arrivando dall'inflazione. Se in Italia, per ora è al 9/10%, il 10% in Germania, i paesi che scalpitano per entrare in guerra contro la Russia, come la Lituania e la Polonia hanno un'inflazione fra il 15 e il 20% mentre la Francia ha superato il 6%. Da qui la necessità della Banca Centrale Europea di aumentare i tassi di interesse e, nello stesso tempo, di smettere di finanziare gli Stati comperando debito (BTP, BOND, ecc.) a tasso zero.

Questo, che cosa significa? Che la prossima inondazione, chi rimarrà sott'acqua dovrà arrangiarsi mentre, chi paga mutui dovrà pagarli a prezzi maggiori. In sostanza, sarà impoverita tutta quella popolazione che è in difficoltà.

Come si concretizerà questa difficoltà, dipende dai provvedimenti governativi e da come si decide di distribuire la ricchezza ma osservo, fin da ora, che la mafia ha bisogno di nuovi clienti a cui vendere eroina e altre droghe e, pertanto, verranno favorite tutte quelle attività che, direttamente o indirettamente, favoriranno lo spaccio della droga.

Buona giornata!

 

30 settembre 2022

In questo momento io sto solo aspettando l'udienza del tribunale di Venezia che si terrà lunedì. Da quell'udienza si deciderà l'esito del procedimento penale atteso da 6 anni. Non sono in ansia per il procedimento penale, sono in febbrile attesa per la sua conclusione. Lunedì si ascolteranno i miei testimoni e l'imputato, il mio aggressore, La domanda più importante alla quale sto attendendo una risposta è: il Bosco Sacro è il luogo di culto della Religione Pagana e ha il diritto ad essere tutelato come ogni altro luogo di culto di altre religioni?

 

30 settembre 2022

I burattini dei burattinai

Burattinai, tirate i fili.

I vostri burattini non sono stoffa e legno che passivi si muovono dove il filo è tirato.

Sono uomini e donne che amano, desiderano, progettano.

Forse oggi sono troppo stanchi per strappare quel filo.

Si vorrebbe più energia nelle proprie marionette.

Ma gli uomini e le donne sono troppo stanche e il vostro filo è rimasto impigliato fra i rami secchi di una foresta tagliata e i rottami di una bomba esplosa troppo presto.

 

30 settembre 2022

Riflessione su un'affermazione di Plutarco

Scrive Plutarco in l'E di Delfi:

Coloro che considerano Apollo e il sole un identico dio meritano di essere amati e prediletti per la loro nobiltà spirituale, poiché pongono l'idea del divino nell'oggetto che maggiormente onorano fra quanti essi conoscono e indagano. Ma ora dobbiamo destarli dal più bello dei sogni giacché sognano la divinità: invitiamoli a spingersi più in alto per contemplare nella realtà della veglia l'essenza del dio, pur continuando a onorare anche questa sembianza e a venerarne la forza feconda. In verità, per quanto è possibile che un oggetto percepibile dai sensi rispecchi una sostanza spirituale, che un corpo in movimento corrisponda a ciò che è immobile, l'immagine del sole riflette in qualche modo la bontà e la beatitudine del dio.

"Quanto al processo di disintegrazione e mutamento a cui, secondo alcuni, andrebbe soggetto il dio, annullandosi in fuoco insieme a tutto l'universo e poi di nuovo solidificandosi e prendendo corpo nella terra, nel mare, nei venti, negli animali, assoggettato alle terribili vicende degli esseri animati e inanimati: tutto questo è empietà, anche soltanto ad ascoltarlo! Il dio sarebbe da meno del fanciullo di cui parla il poeta, che si diverte ad ammucchiare sabbia e poi a disperderla di nuovo, se egli usasse l'universo per suo divertimento e creasse dal nulla il mondo per poi distruggerlo una volta creato. Al contrario, il principio divino tiene insieme la sostanza di ciò che è comunque entrato nell'esistenza dell'universo, e vince la debolezza delle creature, che di per sé volgerebbe all'annientamento.

Plutarco, Dialoghi Delfici, editore Adelphi, 1995, pag. 157 – 158

Secondo Plutarco il Dio è superiore all'uomo e, dunque, deve essere detentore di tutti quegli attributi assoluti che mancano all'uomo. Gli Dèi sono immortali, recita il Mito, e si contrappongono ai mortali. Solo che i mortali possono diventare Dèi e, pertanto, a loro volta, immortali.

Si tratta solo di che cosa vogliamo significare con un'affermazione o una parola e, d'altro canto, se Plutarco avesse letto il Parmenide di Platone saprebbe che in alcune ipotesi del Parmenide, Platone afferma che quando il Tutto, l'Uno, è, gli altri non sono e quando gli altri sono, il Tutto, l'Uno non è. Perché, quando nel tutto qualche cosa si trasforma, il Tutto deve ancora diventare Tutto, l'Uno deve ancora diventare l'Uno, Gli altri, gli infiniti soggetti che secondo Platone formano il Tutto, l'Uno, non possono esistere quando il Tutto, l'Uno, è il Tutto, l'Uno, perché cessano ogni trasformazione al suo interno e, dunque, non esisterebbero. In questo contesto, l'Uno, l'Assoluto, il Tutto, a sua volta nasce, per le trasformazione degli Altri che sono contenuti nell'universo, e muore quando, uguale a sé stesso, non ha altra modalità d'esistenza che non quella di cessare di esistere.

Da qui l'idea di Hegel secondo cui "L'Essere è il nulla". Diventare nulla è l'unica condizione d'esistenza dell'Essere Assoluto qualora noi lo vogliamo pensare come parte e agente del mondo in cui viviamo. Ma dal momento che noi esistiamo ed agiamo, l'Essere è nulla perché quando quell'Essere avrà coscienza, noi cesseremo di essere, ma la sua coscienza è quella che "gli altri", noi, ogni soggetto contenuto nell'universo, contribuisce a costruire attraverso le sue trasformazioni.

Questo sia che i nati nella natura cessino di esistere alla morte del corpo fisico, sia che superino la morte del corpo fisico e continuino nell'infinito dei mutamenti e delle trasformazioni. Nascere, trasformarsi e morire è l'attività del dio che partecipa alle condizioni del mondo in cui è venuto in essere. Il Sole è un Dio. E' nato, si è trasformato, morirà in quella forma per nascere in un'altra forma e continuare nell'infinito dei mutamenti.

 

 

Vai all'esperimento di presentare pagine mensili di discussione Facebook

 

Torna agli argomenti del sito Religione Pagana

Home Page Religione Pagana

 

Claudio Simeoni

Meccanico

Apprendista Stregone

Guardiano dell'Anticristo

Membro fondatore
della Federazione Pagana

Piaz.le Parmesan, 8

30175 Marghera - Venezia

Tel. 3277862784

e-mail: claudiosimeoni@libero.it

Iside con bambino - Museo di Napoli prestata a Torino!

 

 

Questo sito non usa cookie. Questo sito non traccia i visitatori. Questo sito non chiede dati personali. Questo sito non tratta denaro.